Tensione in casa SPAL? Mattioli smentisce: Nessun contrasto tra me e Brevi

A due giorni dalla pesante sconfitta interna con il Pontedera, il presidente Mattioli e il ds Vagnati sono intervenuti in conferenza stampa per diradare con decisione le voci di tensioni interne dopo lo scioccante risultato maturato al debutto.

Oggi non ci siamo detti nulla di particolare – ha esordito Walter Mattioli – eravamo ancora tutti un po’ arrabbiati, ma quello che voglio chiarire è che non c’è alcun contrasto con l’allenatore, con lo staff tecnico e nemmeno con i miei collaboratori”. Il Pres ha poi aggiunto: “Il chiarimento c’è stato solo con il mister sulle mie parole del post partita di domenica. Sapete benissimo che oltre ad essere il presidente, sono anche un tifosissimo della SPAL ed ero molto alterato per la partita. I chiarimenti solidificano i rapporti e posso garantirvi che il mio con mister Brevi è ancora più forte di prima, un rapporto che definirei saldo e cordiale”. Poi Mattioli è tornato sulla brutta sconfitta di domenica: “E’ evidente che il nostro campionato è partito male. Con il Pontedera, dopo i primi venti minuti che giudico buoni, abbiamo commesso tantissimi errori individuali che hanno condizionato la gara. Ho visto i nostri ragazzi davvero dispiaciuti per quello che era successo, ma sono già ripartiti mentalmente e oggi si sono allenati con un’intensità pazzesca, per cui posso garantirvi che daremo soddisfazioni ai nostri tifosi e faremo sicuramente un bel campionato”.

Infine una parola sui due nuovi arrivati Capece e De Cenco: “Capece è un giocatore che ha voluto fortemente il nostro allenatore, un elemento che ritengo molto importante per la SPAL. Voglio ricordare che abbiamo sforato il budget societario, ma Simone Colombarini, che attualmente si trova in Germania per lavoro, ha avallato questa opportunità e siamo riusciti a inserire questo giocatore. Su De Cenco, posso dire che lo seguivamo anche lo scorso anno, a Bellaria aveva fatto molto bene. Ora che è qui con noi a Ferrara spero farà qualche gol pesante per la nostra SPAL”.

Sulla stessa lunghezza d’onda è stato anche Davide Vagnati. Il ds biancazzurro ha iniziato con alcune considerazioni sul post SPAL-Pontedera: “Sono molto dispiaciuto per l’accanimento che si è venuto a creare contro il nostro allenatore. Siamo convintissimi di aver fatto la scelta giusta e credo che essere così disfattisti dopo una partita sia controproducente per tutto il resto della stagione. Noi tutti siamo più uniti e più vogliosi di prima”. Infine sui nuovi acquisti: “De Cenco era seguito da Lucchese e Mantova, ma è venuto da noi e questo sia una cosa molto significativa. Su Capece posso dire che abbiamo trovato quel giocatore che ci può assicurare qualcosa in più sotto l’aspetto tecnico. Il ragazzo ha diverse caratteristiche e può dare duttilità al modulo di gioco: ha una tenuta fisica notevole, un buonissimo tiro e ottime capacità d’inserimento. Giocatore troppo simile a Togni? Non hanno le stesse caratteristiche, però è vero che sotto il punto di vista tecnico è anche lui un ragazzo affidabile a condurre la regia di una squadra, ovviamente possono coesistere perché Capece può far benissimo la mezz’ala”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0