John Ebeling torna a Ferrara: è il nuovo responsabile dell’area tecnica biancazzurra

Venerdì pomeriggio, presso la sala stampa del Pala Hilton Pharma, il presidente Fabio Bulgarelli ha presentato il nuovo responsabile dell’area tecnica della Pallacanestro Ferrara per la stagione 2015/2016. Si tratta di un grande ritorno per un uomo che ha scritto pagine indimenticabili della palla a spicchi cittadina: John Ebeling.

Nato a Trenton, New Jersey, nel 1960, ma ormai ferrarese d’adozione, Ebeling è stato forse il giocatore più amato nella storia del basket a Ferrara; prima, anni Ottanta e Novanta, con la casacca biancoverde della Pallacanestro Ferrara del presidente Scopa; poi in maglia Semper, quindi con il bianconero Basket Club, dove contribuì in maniera determinante alla prima storica promozione in Legadue. In mezzo, esperienze all’estero e tanta Serie A.

Con il sodalizio guidato dall’ingegner Mascellani anche la sua prima esperienza manageriale nel 2002. Dopo il ritiro definitivo dai campi, Ebeling è stato per due stagioni direttore sportivo della Scavolini Pesaro in Serie A e ha successivamente collaborato con Mantova.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0