Appuntamento al Friuli mercoledì 5 agosto? La SPAL spera, manca solo l’ok dell’Udinese

Molto probabilmente l’appuntamento tra Udinese e SPAL è solo rinviato. Sia a Ferrara sia a Udine filtra infatti un certo ottimismo dopo la doccia fredda di mercoledì che ha imposto di tenere in sospeso l’amichevole inizialmente fissata per il 29 luglio allo stadio Friuli. La ragione, come spiegato ieri, sta nel parere negativo della questura di Udine per quanto concerne l’agibilità dell’impianto, in cui sono ancora in corso i lavori di rifacimento. Non a caso la squadra di mister Colantuono sta girovagando un po’ ovunque per disputare amichevoli: domani giocherà a Klagenfurt, in Austria, contro il Galatasaray. La proposta dell’Udinese di giocare a Lignano Sabbiadoro è stata declinata dalla SPAL, mentre la controproposta dei biancazzurri di ospitare l’incontro al Mazza è stata a sua volta rifiutata dai friulani. In compenso pare che la disponibilità a giocare a Lignano Sabbiadoro l’abbia data il Padova, tanto che il 29 potrebbero essere i biancorossi a giocare contro Di Natale e compagni.

Tuttavia pare che dalla questura sia arrivato il via libera a partire dal 1 agosto in poi. Se si incrociano i calendari di SPAL e Udinese è facile intuire come l’unica data possibile possa essere mercoledì 5 agosto. La SPAL infatti sarà impegnata il 2 in Coppa Italia contro il Rende e in caso di passaggio del turno sarà a Catania il 9. L’Udinese invece disputerà un’amichevole in Corsica l’1 agosto (contro il Bastia), mentre l’8 è attesa in Turchia dal Konyaspor. Il 15 poi ci sarebbe l’esordio in Coppa Italia. A supporto dell’ipotesi 5 agosto (sempre allo stadio Friuli, ovviamente) ci sono anche le parole del ds Davide Vagnati: “Stiamo aspettando una conferma dall’Udinese, ma quella potrebbe essere la soluzione giusta per entrambe le squadre”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0