La furia di Mattioli: Quello di stasera è un furto in diretta, indignato anche dall’arbitraggio

Al termine dell’incontro che ha visto il Pisa passare al Paolo Mazza per 2-1, abbiamo raccolto le impressioni dei massimi dirigenti biancazzurri: Walter Mattioli e Simone Colombarini.

WALTER MATTIOLI
“Abbiamo assistito ad un autentico furto in diretta, solo che questi non li mettono dentro, ma tornano a Pisa. Abbiamo fatto un gran primo tempo, poi il doppio passivo secondo me ci ha condizionato parecchio e non ci ha messo in condizioni di giocare in tranquillità. E’ già la seconda volta che prendiamo gol ad inizio ripresa, probabilmente vuol dire che non entriamo in campo con la giusta mentalità. Probabilmente anche loro non si aspettavano una SPAL in queste condizioni, ma fatemi dire una cosa: l’arbitraggio è stato scandaloso. Non possono mandare questi arbitri in partite importanti come queste: ha permesso al Pisa di perdere tutto il tempo che voleva. Quello che mi dispiace di più è di aver dato un dispiacere ai nostri tifosi, che oggi hanno anche battuto il record di presenze. L’imperativo è tornare a vincere? Direi proprio di sì, la squadra è matura e per raggiungere certi traguardi, bisogna dimostrare di poter risollevare la testa subito. Non ditemi che devo guardare il bicchiere mezzo pieno perché abbiamo perso, e quando si perde i bicchieri sono sempre vuoti”.

SIMONE COLOMBARINI
“Abbiamo giocato un buon primo tempo riuscendo ad andare in vantaggio, nel secondo invece a mio parere non abbiamo giocato con la stessa intensità e soprattutto non siamo riusciti a creare occasioni da gol. Quello che secondo me ci è mancato è stato un po’ di lucidità. Certo che chiudere il primo tempo in vantaggio e subire due reti ad inizio ripresa è stato un bel colpo. Mi dispiace soprattutto per il nostro pubblico che è stato eccezionale come sempre; la Ovest poi si è superata con una coreografia davvero bellissima”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0