La bordata da Macerata: La SPAL teme i controlli Covisoc. Replica della società: Siamo in regola

Manca ancora un bel po’ al prossimo incrocio tra SPAL e Maceratese, ma già adesso l’aria inizia a farsi tesa a causa di un’illazione abbastanza pesante proveniente dalla città marchigiana. Succede infatti che su “Cronache Maceratesi”, testata online generalista, venga pubblicato un editoriale firmato da Enrico Maria Scattolini in cui si asserisce: “Nel frattempo lei (riferito alla Presidente della Società Sportiva Maceratese ndr) continua a occuparsi della Maceratese. Mantenendola perfettamente in regola con gli adempimenti economici/amministrativi e quindi pronta ad affrontare l’esame della Covisoc della prossima settimana. Temuto invece da diverse consorelle, tra cui, sembrerebbe, la Spal stessa“.

In via Copparo ovviamente non l’hanno presa bene e nel pomeriggio hanno messo nero su bianco un comunicato per respingere al mittente queste presunte indiscrezioni: “Per ragioni di trasparenza nei confronti di tutti gli interlocutori, in primis verso i propri tifosi, Spal 2013 srl chiarisce che non solo non teme alcun controllo fiscale, ma che la verifica da parte di Covisoc presso la presente società è già avvenuta, per la precisione nella giornata del 20 novembre u.s. con esito pienamente positivo, così come sempre avvenuto nel corso dei precedenti controlli.
Oltre a ciò, nella giornata odierna, martedì 15 dicembre, è arrivato il parere positivo relativamente alla verifica effettuata da Deloitte. Il tutto con evidente anticipo rispetto alle scadenze contabili richieste alle società professionistiche, in quanto la società stessa ha precedentemente provveduto al pagamento di stipendi e contributi per il bimestre settembre-ottobre 2015. Spal 2013 fa della trasparenza e della scrupolosità in ambito contabile/amministrativo un vanto della propria gestione sportiva; la serietà della nostra società è stata più volte sottolineata sia all’interno della Lega Pro che dell’intera Federazione. Per questi motivi Spal 2013 srl si riserva di tutelarsi presso le sedi opportune in riferimento alle illazioni sopra riportate
“.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0