La gioventù spallina in prestito va in pausa: soddisfazioni soprattutto per Laquaglia e Atzori

Settimana positiva per chi è sceso in campo in serie D: bene Laquaglia, Atzori e Concas. Sorride anche Merighi in Eccellenza. Scarpi potrebbe raggiungere Nava e Berto ad Adria.

SERIE D

MARCO LAQUAGLIA (MEZZOLARA)- L’arrivo dell’esperto Tobia Melis e il recupero di Orlando (decisivo con il gol vittoria) lo relegano per la seconda volta di fila in panchina nel prezioso successo del Mezzolara sull’Arzignano (2-1). Tre punti pesantissimi in chiave salvezza. Questa volta non entra a partita in corso e resta al fianco di mister Bazzani. Resta tra i giovani spallini che in questa prima parte di stagione sono riusciti a ritagliarsi uno spazio in serie D chiudendo con 17 presenze su 19 nel girone d’andata. Positiva l’analisi dell’ex capitano della Berretti: “Mi ritengo fortunato e soddisfatto. La prima stagione tra i ‘grandi’ è un bel salto di qualità rispetto alle giovanili e alla Berretti. C’è un’altra mentalità, si gioca per qualcosa di importante, ad esempio la reputazione della società e del singolo. E’ un’altra modalità di gioco. E’ un’esperienza che ti cambia. Hai un altro atteggiamento. Sapevo cosa andavo ad affrontare e sono riuscito ad adattarmi in fretta, come poi dimostra la fiducia del mister. Al giro di boa siamo salvi, dobbiamo fare più punti possibili nel girone di ritorno”.

ALESSIO ATZORI (RAVENNA)- Nel derby con la Ribelle (1-1), mister Mosconi gli affida di nuovo il ruolo di mezzala nel 433. Appare nervoso e fuori ritmo dicono i giornali locali, ma riesce comunque ad innescare un’azione che da Innocenti arriva ad Ambrogetti, poi è bravo il veterano Calderoni (in A con Cesena, Atalanta e Torino) a negare il pari. Rimedia un giallo per proteste, poi un altro dubbio e viene espulso al 42’, lasciando i suoi in dieci. Ci pensa Mandorlini a trovare il pari nella ripresa. Il commento di “Atzo” a questa prima parte di stagione: “Sono riuscito ad ambientarmi subito e ho avuto la fortuna di ritagliarmi uno spazio da titolare anche in un ruolo non mio come il terzino destro. E’ stato importante per fare esperienza in un campionato totalmente diverso da quelli giovanili. Sia mister Marsili sia mister Mosconi hanno avuto parole di apprezzamento, spero di continuare nel mio percorso di crescita e arrivare a categorie superiori”.

DAVIDE SCARPI (LEGNAGO SALUS)- Ormai si attende gennaio per l’esordio con l’Adriese.

GIANMARCO PIERFEDERICI (SAN MARINO)- I Titani espugnano il campo del Romagna Centro con un gol di Buonocunto nel finale. Ancora una panchina per l’esterno offensivo scuola Cesena che ha perso qualche posizione nelle gerarchie di mister Medri.

ALBERTO MILAN E CORRADO CONCAS (TAMAI)- Le furie rosse superano anche il Levico Terme (1-0) e chiudono il girone d’andata con un sorprendente sesto posto nel gruppone alle spalle delle corazzate Campodarsego e Venezia. Altri novanta minuti di spessore per la mezzala in prestito ai mobilieri al servizio di Stefano De Agostini. In crescita soprattutto nel secondo tempo. Concas è decisivo assist-man, il nono stagionale, in avvio di ripresa quando si avventa sul cross ribattuto di Diaw, spinge sul fondo e serve a rimorchio per Sellan che gira alle spalle del portiere il gol-partita. Per il centrocampista è da 7 la prova secondo i giornali locali. Non c’è Milan. Il commento di Concas al termine del girone d’andata: “Sono contentissimo di questa prima parte di stagione. Dopo gli infortuni dell’anno scorso avevo bisogno di trovare continuità, devo ringraziare il mister e la società per la fiducia e spero di ripagarli nel migliore dei modi. Manca solo il gol per ora, ci sono andato vicino, ma non è voluta entrare. Spero di sbloccarmi presto. La fortuna è stata il rapido ambientamento”.

GIOVANNI RANIERI (FOLIGNO)- Ancora una giornata da dodicesimo per il portiere umbro ex Inter nel successo del Foligno in trasferta a Spoleto (1-2).

ECCELLENZA

FEDERICO MERIGHI (SANT’AGOSTINO)- Partita sospesa al 70’ per nebbia con i ramarri in vantaggio contro la Sampierana. Non c’era Merighi.

GIOVANNI DE MARTINO (ARGENTANA)- L’Argentana perde in casa contro il Cattolica dopo esser passata in vantaggio (1-2). Il giovane centrocampista subentra nell’ultimo quarto d’ora all’ex SPAL Marchini apparso nervoso e strappa comunque la sufficienza (6) per i colleghi de La Nuova Ferrara: “Qualche spunto vivace”.

ANDREA BALDON (COPPARESE)- La Copparese cade in casa contro il Conselice e resta all’ultimo posto in classifica. Il centravanti gioca novanta minuti, ma non incide. Ha una sola buona occasione sul finire del primo tempo quando arriva in ritardo su un cross di Ferrara. Nel finale, entra a dargli una mano il neoacquisto dalla Portuense “Gazza” Veronesi. Non basta. Baldon però è da 6 per i colleghi de La Nuova Ferrara: “lotta con caparbietà e fa quel che può”.

FEDERICO NAVA E NICOLA BERTO (ADRIESE)- Il campionato è in pausa dalla scorsa settimana. L’Adriese è al secondo posto alle spalle del Vigasio. Nava ha trovato spazio con continuità. Si allena con i veneti anche Scarpi dopo la sua parentesi a Legnago e da gennaio sarà un’arma in più per l’Adriese. Dopo l’addio di Lodi, anche l’esterno Berto andrà al Sant’Agostino.

 

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0