Il blob del mercato dal 12 al 18 giugno: diciannove nomi, prevalgono portieri e attaccanti

Si fanno progressi: da una settimana all’altra il numero di giocatori accostati alla SPAL si è dimezzato, passando da 41 nomi ad appena 19. A dominare la scena ci sono portieri e attaccanti, due dei quattro obiettivi principali del ds Vagnati assieme a un centrale di difesa e ad un centrocampista.

1 Cesarini (a, 1989, Pavia)
2 Ivan (c, 1995, Sampdoria)
3 Falcone (p, 1995, Sampdoria)
4 Eramo (c, 1989, Sampdoria)
5 Antenucci (a, 1984, libero)
6 Donnarumma A. (p, 1990, Genoa)
7 Aguirre (a, 1994, Udinese)
8 Fiorillo (p, 1990, Juventus)
9 Benussi (p, 1981, Vicenza)
10 Aresti (p, 1986, Pescara)
11 Meret (p, 1996, Udinese)
12 Scuffet (p, 1996, Udinese)
13 Cavion (c, 1994, Juventus)
14 Acampora (c, 1994, Spezia)
15 Calaiò (a, 1982, Spezia)
16 Catellani (a, 1988, Spezia)
17 Moscardelli (a, 1980, Lecce)
18 Guerrieri (p, 1996, Lazio)
19 Bassi (p, 1985, Atalanta)

Per la porta il nome più caldo è indiscutibilmente quello di Simone Aresti, in uscita da Pescara e già corteggiato un anno fa dalla SPAL. Intrigante anche il filo diretto con lo Spezia: nell’ambito del rinnovo del prestito di Ceccaroni potrebbero aprirsi diversi altri discorsi che coinvolgerebbero il centrocampista Acampora (sempre in prestito) e il bomber Emanuele Calaiò. L’attaccante siciliano è scivolato ai margini del progetto di mister Di Carlo e ha un solo anno di contratto, seppure a cifre importanti. La sensazione è che un accordo “spalmato” su due anni possa avvicinare “L’Arciere” alla maglia biancazzurra. Ma al momento si tratta solo di una semplice speculazione.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0