In attesa di veder triplicati gli abbonamenti, la SPAL triplica i suoi tifosi nella locandina ufficiale

A primo impatto la foto scelta per la campagna abbonamenti 2016/2017 della SPAL è di grande impatto e rende bene l’idea di una città intera radunata per celebrare la propria squadra di calcio. Peccato che ad uno sguardo più attento la foto risulti palesemente ritoccata con Photoshop per far sembrare che in piazza Trento e Trieste in quel momento ci fosse più gente di quanta effettivamente apparve nello scatto originario del 23 aprile.

campagna-abbonamenti-solo-testa2
clic per la versione a risoluzione piena

Il primo a far notare la curiosa moltiplicazione dei tifosi è stato Eugenio Ciccone, grafico di professione e titolare dello studio Obst di Ferrara, via Facebook. Se si ingrandisce l’immagine, ci si accorge di diversi elementi ricorrenti copiati e incollati qua e là nella parte inferiore dell’immagine, al preciso scopo di infoltire la folla radunata in piazza. In alcuni casi (la ragazza con i capelli rossi; la coppia che si sta scattando un selfie) la presenza nell’immagine è triplicata o addirittura quadruplicata.

piazza abbonamenti photoshop
clic per la versione a risoluzione piena

Poco male, si tratta di un peccatuccio veniale abusato spesso e volentieri dai politici in tempi di manifestazioni. Oppure lo si può catalogare sotto la voce degli eccessi di zelo. Con l’ufficio commerciale della SPAL che si aspetta 5.500 abbonamenti – tre volte tanto il numero della stagione scorsa – al grafico sarà venuto spontaneo pensare fosse il caso di triplicare fin da subito anche i tifosi della locandina. Al botteghino l’ardua sentenza.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0