Occasioni sprecate e sfortuna, l’Under 17 si fa rimontare dall’Udinese. Non basta Tomasini

cottafava u17

S’infrangono sulla traversa in pieno recupero le speranze dell’Under 17 di raggiungere un pareggio contro l’Udinese che, per le occasioni create, sarebbe stato più giusto. La SPAL, dopo un primo tempo un po’ timido, nel quale si era portata anche in vantaggio, ha pagato la troppa imprecisione a scapito di una ripresa giocata con grande ardore.

Cottafava scende in campo col consueto 4-3-3, con Galliano e Clement pronti a invertirsi il ruolo all’occorrenza; 4-3-3 di stampo offensivo anche per l’Udinese, coi terzini schierati fin da subito molto alti. L’inizio del primo tempo vede l’Udinese subito padrona del gioco. I ragazzi di De Biaggio grazie alla loro intesa riescono a creare la supremazia a centrocampo, ma non sorprendono gli attenti difensori spallini e le prime occasioni nascono su tiri da fuori area: al 4’ Contento col destro da fuori sfiora la traversa e all’11’ Rossi blocca un insidioso tiro dal limite di Caramello. I bianconeri giocano molto alti, coi terzini che aiutano il reparto offensivo e i padroni di casa riescono a sfruttare al meglio la situazione. Dopo un inizio sofferente, al 15’, Tomasini viene servito in mezzo all’area da Clement e trova il vantaggio con un tiro rasoterra e angolato. La SPAL sorprende la difesa avversaria con una bella ripartenza: 1-0. Tuttavia la reazione degli avversari non tarda ad arrivare e, poco dopo, al 19’, Caramello tira in porta da fuori area: la palla non viene intercettata dai centrali spallini carambolando sui piedi di Zanier, che da due passi segna il gol del pareggio senza problemi.
L’Udinese continua a dominare la scena a centrocampo, mentre i biancazzurri aspettano un buon contropiede: il più pericoloso nella triade offensiva spallina è Clement che al 20’ prova a sfruttare un cross e tira nello specchio, ma Scordino gli nega il gol. Gli ospiti vantano buona qualità in avanti, specialmente con Caramello e Zanier che, dopo un bel fraseggio, al 22’ serve bene Alessandria, bravo a lasciar partire un tiro potente e centrale, bloccato in due tempi da Rossi. Dopo i gol torna l’equilibrio in campo, ma al 39’ l’Udinese lo spezza riuscendo a passare in vantaggio: il subentrato Condolo crossa in area per Specogna, che spiazza il portiere con un tiro potente all’incrocio dei pali trovando il vantaggio. La squadra di De Biaggio si porta sull’1-2.

Nel secondo tempo la situazione tattica si ribalta: la SPAL attacca per trovare il pareggio, l’Udinese, complice forse un calo fisico, aspetta una ripartenza da sfruttare per chiudere il match. In avvio di ripresa Cottafava inserisce Pertica e la mossa si rivela azzeccata visto che il centrocampista entra subito in partita e vivacizza il reparto offensivo. Al 3’ parte proprio dal numero sedici l’azione che porta Spaltro a servire Galliano in mezzo all’area, che si divora un gol clamoroso calciando a lato da posizione centrale e ravvicinata. La punta biancazzurra ha più di qualche rimpianto oggi: al 5’ si ritrova solo davanti a Scordino dopo un bel cross di Tomasini, ma la conclusione viene deviata in corner dal portiere friulano.
Dopo un inizio promettente, il secondo tempo si rivela piuttosto monotono e le due squadre faticano a creare azioni da gol e ne esce solo qualche tiro, tra l’altro mai pericoloso. La SPAL prova a sorprendere una stanca Udinese che ha abbassato parecchio i ritmi, ma pecca di concretezza in avanti e non impegna mai troppo Scordino. Un’occasione clamorosa per il pareggio casalingo arriva proprio nel finale, al 3’ di recupero: Pellielo da fuori area prende la mira e lascia partire un tiro potente, che si infrange però sulla traversa. Il legno nega al centrocampista la gioia del pareggio e conforta invece Scordino, che non avrebbe potuto bloccare la conclusione. La partita finisce 2-1 per l’Udinese dopo quattro minuti di recupero e per l’Under 17 arriva la terza sconfitta in quattro partite.

A fine gara mister Cottafava analizza il match e fa il punto della situazione: “Abbiamo buttato via un tempo ed a causa della troppa superficialità non abbiamo mantenuto il vantaggio; la squadra è cambiata nella ripresa e vista la reazione dei ragazzi è un peccato non aver capitalizzato le occasioni. Nonostante la crescita rimane il rammarico per la sconfitta; lavoreremo molto per crescere ancora e correggere le imprecisioni”.

SPAL- UDINESE 1-2 (p.t. 1-2)

SPAL (4-3-3): Rossi; Spaltro, Aguiari, Righi, Zanella (dal 34’ s.t. Del Sesto); De Angelis (dal 1’ s.t. Pertica), Amore (dal 21’ s.t. Pellielo), Scognamiglio; Clement, Tomasini, Galliano. A disp.: Roncati, Mantovani, Frighi. All.: Cottafava.
UDINESE (4-3-3): Scordino; Aviani, Imbrea, Donatello, Contento; Caramello, Gkersos, Alessandria (dal 1’ s.t. Baccichetto); Specogna (dal 41’ s.t. Del Giudice), Zanier (dal 30’ p.t. Condolo), Ilic. A disp.: Cafaro. All.: De Biaggio.

Arbitro: Sig. Sprezzola di Mestre; assistenti: Sigg. La Barbera ed Ortese da Ferrara.
Reti: 15’ p.t. Tomasini (S), 19’ p.t. Zanier (U), 39’ p.t. Specogna (U).
Ammoniti: Tomasini (S).
Note: giornata soleggiata, campo in buone condizioni. Angoli: 6-1. Recupero: p.t. 2’, s.t. 4’. Spettatori: 150 c.a.

Clandestino Pub Ferrara
Derby Sport Ferrara
0