La dea bendata si scorda dell’Under 15: un rigore e un autogol condannano i biancazzurri

azione u15 vs milan

Può reclamare contro la sfortuna l’Under 15 della SPAL, sconfitta 2-0 dall’Udinese. I biancazzurri tornano a Ferrara a mani vuote dopo una partita strana, condizionata dal maltempo e soprattutto da due episodi di pura malasorte con protagonista il portiere Wangue.

Mister Rossi si affida al consueto 4-2-3-1, ma deve fare i conti con un paio di defezioni soprattutto in avanti: le chiavi del gioco vengono affidate a Simeoni, libero di agire dietro all’unica punta Yabre e pronto ad innescare la velocità degli esterni. La gara si dimostra equilibrata nella prima frazione, senza occasioni clamorose decisive. La SPAL tiene bene il campo, mostra segnali positivi contro un avversario che sta vivendo un ottimo momento di forma (due vittorie nelle ultime due sfide) e propone un buon palleggio nonostante le condizioni del campo abbastanza difficili.

Il buon 0-0 all’intervallo lascia quindi ben sperare per il secondo tempo, ma soltanto due minuti dall’inizio della ripresa l’Udinese passa in vantaggio: lancio lungo dei friulani che trovano la difesa spallina impreparata, Ianesi scappa via verso la porta e viene atterrato in area dal portiere Wangue, che non riesce a toccare il pallone ma prende invece la gamba dell’avversario. Rigore trasformato da Cudrig, per un vantaggio lampo che sorprende i biancazzurri, penalizzati da una distrazione appena tornati in campo. A complicare ulteriormente le cose ci si mette anche la malasorte, che colpisce inesorabile al minuto 16’ con un autogol che si materializza quasi dal nulla. In perfetta sintonia col tempo, piove sul bagnato per il portiere biancazzuro Wangue, che la combina grossa facendosi sfuggire il pallone dopo una lieve deviazione di testa di un suo difensore, regalando il 2-0 agli avversari. È il gol che taglia definitivamente le gambe alla SPAL che nonostante l’ingresso di Fortunato e Tatani in attacco da lì in poi non riusce più a riprendersi, lasciando all’Udinese una tranquilla gestione della gara.

A fine partita Rossi pone l’attenzione sulla crescita dei giovani come obiettivo primario, vedendo dei grossi margini di miglioramento in tutti i settori della squadra:  “Le sconfitte a questi livelli mi interessano fino ad un certo punto, chiaro che vincere fa sempre bene e consente di lavorare meglio ma dobbiamo restare tranquilli ed analizzare il modo in cui arrivano gli insuccessi: comprendere gli errori è il primo passo per migliorarsi”. La nuova chance di riscatto arriverà tra una settimana, in casa contro il Vicenza ultimo in classifica.

LINK: I risultati della nona giornata nel girone B e la classifica.

UDINESE-S.P.A.L. 2-0 (pt 0-0)

UDINESE: Gasparini, Cucchiaro (dal 30’ s.t. Derossi), Petrucci, Rigo, De Clara, Tassotti, Fedel (dal 34’s.t. Michelutto), Specogna, Cudrig, Agnoletti (dal 26’ p.t. Palumbo), Ianesi (dal 34’ s.t. Cum). A disp. Chiavo, Ljuskic, Bianco, Tomat. All.: Ametrano.
SPAL: Wangue Moumi, Stabellini, Ficara, Perinelli, Vitali (dal 28’ s.t. Guariento), Sansoni, Benini (dal 28’s.t. Marabini), Fregani, Faye (dal 7’ s.t. Fortunato), Simeoni (dal 20’s.t. Tatani), Yabre. A disp. Galeotti, Forti, Pavinato, Pasqualino, Randi. All.: Rossi.

ARBITRO: Sig. Luglio di Monfalcone.
MARCATORI: 2’s.t. rig. Cudrig (U), 16’s.t. aut. Wangue Moumi (pro U).
AMMONITI:  Cucchiaro (U), Wangue Moumi (S), Vitali (S).

Clandestino Pub Ferrara
Derby Sport Ferrara
0