Due anni di Semplici, è record di longevità: meglio di lui solo De Biasi (ancora per poco)

L’otto dicembre sarà sempre una data speciale per Leonardo Semplici, visto che rappresenta la data del suo insediamento alla SPAL. Arrivato per sostituire Oscar Brevi, l’allenatore fiorentino ha dovuto fare i conti con un periodo iniziale piuttosto difficile, ma una volta ingranate le marce alte non si è più fermato. Playoff mancati di due punti nella stagione 2014-2015, Lega Pro dominata (con tanto di Supercoppa in bacheca) l’anno successivo, prima parte di stagione entusiasmante al debutto in serie B con un quarto posto dopo diciassette giornate. Il bilancio complessivo dice 85 partite, 49 vittorie, 19 pareggi e 17 sconfitte, con 141 gol messi a segno dalla sua squadra e 73 incassati.

Se glielo avessero raccontato quell’otto dicembre 2014 (e se lo avessero raccontato ai tifosi), non ci avrebbe creduto di sicuro. E’ lui stesso ad ammetterlo in un lunga intervista realizata dall’ufficio stampa della SPAL in occasione del suo secondo anniversario a Ferrara.

Che l’impronta di Semplici sia destinata a lasciare un segno consistente nella storia della SPAL è dimostrato anche dal fatto che il tecnico sia ad un passo dal diventare l’allenatore più longevo degli ultimi vent’anni. Se si prendono in esame gli allenatori passati per Ferrara dal 1995 ad oggi, solo Gianni De Biasi può fregiarsi di una permanenza più lunga (746 giorni in carica). Ancora per poco, visto che Semplici è a quota 732.

LA TOP TEN DEGLI ALLENATORI SPALLINI PIU’ LONGEVI DAL 1995 AD OGGI
1. Gianni De Biasi, 746 giorni (1997-98; 1998-99)
2. Leonardo Semplici, 732 giorni (2014-15; 2015-16; 2016-17…)
3. Salvatore Bianchetti, 512 giorni (1995-96; 1996-97)
5. Aldo Dolcetti, 490 giorni (2008-09; 2009-10)
6. Egidio Notaristefano, 454 giorni (2009-01; 2010-11)
7. Massimiliano Allegri, 397 giorni (2004-2005)
8. Stefano Vecchi, 392 giorni (2011-2012)
9. Mauro Melotti 1, 372 giorni (2000-01, 2001-02)
10. Giuliano Sonzogni, 371 giorni (2001-02, 2002-03)

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0