L’attacco spara a salve, la Lazio ringrazia. Cottafava: Ci manca un po’ di concretezza

L’Under 17 dovrà attendere almeno un’altra settimana per provare a portare a casa i primi punti del 2017: nella seconda uscita del nuovo anno, sul campo della Lazio, è infatti arrivata la sconfitta contro i padroni di casa. Partita paradossale e per certi versi sfortunata quella dei ferraresi, che raccolgono senza dubbio meno di quanto seminato. Manca infatti solo il gol tra le file spalline, o seguendo il Cottafava-pensiero, “la giusta crudeltà sotto porta”. La SPAL di fatto fa la partita, ma nel calcio esiste solo una legge sovrana: chi segna vince. E i gol a Formello li ha messi a segno una Lazio imprevedibile, chiusa nel primo tempo e brava e fortunata nel secondo a sfruttare le pochissime occasioni a disposizione, prima dalla difesa ospite e poi dall’arbitro Pragliola, che fischia un rigore dubbio a cinque minuti dalla fine affossando definitivamente le speranze biancazzurre.

Fin dalla prime battute è la SPAL, schierata con l’ormai consueto 4-4-2, ad imporsi prepotentemente in mezzo al campo, con le due punte Clement e Scognamiglio subito attive ad impensierire la retroguardia capitolina. E’ come sempre lo svizzero ad essere l’elemento più pericoloso, sfiorando due volte il gol tra il 30’ e il 40’con tiri che sibilano di poco fuori dalla porta di Alia. La SPAL preme costantemente, ma le manca il guizzo decisivo per sbloccare il risultato, il primo tempo si chiude sullo 0-0. Nella ripresa i biancazzurri ripartono come se non si fossero mai fermati, all’attacco della porta laziale. Dopo altre due occasioni da gol, prontamente sventate da Alia, si inizia però a sentire l’odore della beffa per i ragazzi di Cottafava, che pagano a caro prezzo le leggerezze sotto porta capitolando alla prima reale occasione creata dai padroni di casa. Fa tutto l’attaccante Fontana al minuto nove, trasformando in oro un cross dalla destra con una torsione di testa che si insacca all’incrocio dei pali, lasciando di sale il portiere spallino Campi e tutta la squadra. E’ un duro colpo per gli ospiti, che vedono vanificare in un attimo la grande prestazione sfoggiata fino allo svantaggio. Cottafava non vuole arrendersi e tenta il tutto per tutto, buttando nella mischia per l’assalto finale anche la terza punta Galliano, alla ricerca di una rete che però non arriva. La porta biancoceleste sembra stregata e dopo altre due chiare occasioni da gol, al 36′ si capisce che non è proprio giornata quando l’arbitro giudica volontario il tocco di mano del difensore spallino Mantovani concedendo il rigore alla Lazio. A nulla servono le lamentele di tutti i giocatori spallini, Paglia trasforma il rigore che chiude definitivamente la gara, lasciando un sapore amarissimo nella bocca di tutti i ragazzi di Cottafava.

A fine gara il mister, nonostante la sconfitta, è giustamente soddisfatto: “Abbiamo affrontato una squadra alla nostra portata ed abbiamo dimostrato di essere all’altezza anche di squadre che si trovano in posizioni più alte in classifica. Oggi ho visto il giusto atteggiamento mentale, siamo stati grintosi e precisi fin dall’inizio, quello che purtroppo ci manca è la concretezza sotto porta”. Problema che, sempre secondo l’ex difensore, non ha una origine ben definita: “Il gol nasce da tanti fattori, ovvio che chi è chiamato a far gol deve essere più decisivo, ma abbiamo ragazzi che si affacciano in questi campionati per la prima volta e devono imparare sulla propria pelle che sbagliare anche l’occasione più banale a volte può rivelarsi fatale, dobbiamo migliorare solo su questo aspetto definitivo, perché creare occasioni da gol non è mai stato un problema”. 

LINK: I risultati della 15^ giornata nel girone B e la classifica.

LAZIO–SPAL 2-0 (pt 0-0)

LAZIO: Alia, Petriccia, Armini, Zitelli, Pellacani, Spoletini (dal 30′ s.t. Guadagno) (dal 40’s.t. Frattesi), Cerbara, Paglia, Fontana, Peguiron, Piscitelli (dal 25’s.t. Birzò) A disp. Noto, Abate, Ciotti. All: Frattini.

SPAL: Campi, Spaltro, Marzocchi, Pellielo, Ferrari, Righi, De Angelis (dal 12’s.t. Galliano), Sare, Pertica (dal 32’s.t. Mantovani) , Clement, Scognamiglio (dal 21’ s.t. Tomasini). A disp. Limaj, Zanella, Amore. All.: Cottafava.

ARBITRO: Sig. Pragliola di Terni (Assistenti: Filabozzi-Cirillo).
MARCATORI: 9’ s.t. Fontana (L), 36’ s.t. rig. Paglia (L).
AMMONITI: Mantovani ( S) , Tomasini (S), Petriccia (L).

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0