Mattioli dedica il risultato ai tifosi. Il recupero? Ci stava, bastava non nascondere i palloni

Al termine dell’incredibile pareggio della SPAL a Vicenza, abbiamo raccolto le impressioni del presidente Walter Mattioli e di patron Simone Colombarini.

WALTER MATTIOLI
“Devo essere sincero: ormai non ci speravo più nel pareggio, ma sono ovviamente davvero molto contento. Ho tenuto le dita incrociate nel finale per sperare di riuscire a raddrizzarla e per fortuna è arrivato questo punto a mio avviso meritato. Nel primo tempo ho visto una SPAL meno brillante del solito, ma credo che la ragione sia da ricercare anche in un campo malmesso e non adatto a partite di questo livello, un po’ come il nostro sabato scorso contro il Benevento. Il secondo tempo è stato di un’intensità mostruosa, davvero una bellissima ripresa. Il Vicenza si lamenta dei minuti di recupero? Non è proprio così. Se avessero messo a disposizione i palloni in campo nel momento in cui erano spariti avrebbero con tutta probabilità vinto la partita: non si devono lamentare di queste cose perché hanno sbagliato loro. Floccari? Ha messo in campo tutta la sua esperienza, che è tanta. Voglio aggiungere una cosa: questo risultato lo dedico ai nostri tifosi che ci hanno seguito in massa anche a Vicenza tifando dall’inizio a fine partita”.

SIMONE COLOMBARINI
“E’ stato senza dubbio bellissimo pareggiare a fine recupero, è un punto che vale tanto quanto un uno a zero. Sicuramente in settimana la squadra analizzerà la partita a partite dai tanti errori commessi perché soprattutto nel primo tempo la SPAL non si è espressa al meglio. Nella ripresa i ragazzi sono entrati in campo più convinti e hanno creato qualcosa in più del primo tempo: alla luce dei fatti credo che il pareggio sia il risultato giusto. Il Vicenza in casa comunque è una squadra tosta e sicuramente se si commettono errori grossolani la strada si fa davvero in salita. Mercato finito? Direi di sì, se dovesse capitare qualche situazione favorevole per noi la valuteremo, ma in linea di massima direi che la squadra è completa così”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0