La dura legge del gol presenta il conto alla U15: tante occasioni, ma solo un pareggio

La SPAL Under 15 esce dalla sfida contro i pari età dell’Hellas con un punto e qualche rimpianto: il punteggio finale di 1-1 non rende onore alla prestazione messa in mostra dai ragazzi di mister Rossi, assoluti dominatori per buona parte della gara, ma poco incisivi nel concretizzare le numerose occasioni da gol create in particolare nel primo tempo. Poco male comunque per la formazione spallina, che dimostra ancora una volta di avere le carte in regola per poter quantomeno giocarsela con la maggior parte delle squadre del girone. La classifica vede i biancazzurri galleggiare in posizione mediana, ma i progressi fanno ben sperare per il futuro.

Il calcio d’inizio vede la SPAL schierata col classico 4-3-3,   cui risponde un pragmatico 4-4-2 degli scaligeri che cercano di sfruttare la fisicità delle due punte Yeboah e Marini. Fin dai primi minuti si capisce invece quale sarà l’arma tattica degli spallini: circolazione veloce della palla e gran gioco sulle corsie esterne, dove Yabre e Cuomo si dimostrano tra i più vivaci e propositivi. Dopo pochi minuti di studio i padroni di casa prendono subito campo, dando il via ad un vero e proprio assedio che però non dà frutti. Le occasioni fioccano: al 10’ Cuomo pesca in area Faye, il quale però è troppo lento nel preparare il tiro e si fa murare dal centrale gialloblù; al 15’ Pasqualino spara alta una ghiotta occasione sugli sviluppi di un angolo e pochi minuti dopo un altro cross basso dalla destra trova la conclusione a botta sicura di Yabre, sfortunato però nel trovare a sua volta il miracoloso salvataggio sulla linea di Calabrese. La SPAL fa la partita, ma sbaglia sul più bello: l’Hellas invece, non pervenuto davanti, regge con non poche difficoltà le folate offensive del terzetto offensivo ferrarese. Al 35’ però si ha l’ennesima dimostrazione della legge più banale: gol sbagliato equivale a gol subito. E il gol subito dalla SPAL è di pregevole fattura. Fa tutto il numero dieci Cortese, che prende palla poco fuori dall’area e senza pensarci lascia partire un missile di collo esterno che si infila sotto la traversa, per un vantaggio Hellas inaspettato e per certi versi immeritato, che chiude il primo tempo.

Negli spogliatoi Rossi scuote i suoi per il gol subìto e la reazione che ottiene al ritorno in campo è senza dubbio la migliore possibile, visto che dopo neanche dieci minuti dalla ripresa del gioco la SPAL trova il pari. Ottimo lavoro di Teyou sulla fascia che si accentra e trova con un filtrante Faye dentro l’area, il numero nove da due passi non può sbagliare e trova una rete sacrosanta per quanto visto nella prima frazione. Dopo il pareggio il ritmo cala decisamente, l’Hellas continua a non creare pericoli alla porta di Mingozzi e la SPAL ha forse il demerito di allentare la pressione, rinunciando a cercare il vantaggio e producendo qualche tiro da fuori che non inquadra lo specchio della porta. Il secondo tempo trascorre così senza particolari emozioni, eccezion fatta per un liscio del centrale spallino Vitali quasi allo scadere che lancia l’attaccante veronese Yeboah solo contro il portiere avversario. Proprio quest’ultimo, aiutato dal terzino Stabellini, riesce però a recuperare ed a preservare il risultato. Scampato pericolo per gli spallini, ma la sconfitta sarebbe stata davvero una beffa clamorosa per quanto visto in campo.

Resta l’amaro in bocca per una gara che probabilmente poteva portare tre punti invece che uno solo. Al termine della sfida mister Rossi si mostra comunque soddisfatto per l’atteggiamento tenuto di suoi, sottolineando come sia mancato davvero poco per portare a casa la vittoria: “Non abbiamo avuto la giusta qualità nell’ultimo passaggio e soprattutto è mancata la lucidità nelle occasioni che abbiamo avuto. Potevamo vincerla, ma anche queste prestazioni fanno parte della crescita di questi ragazzi. Eccezion fatta per questi due aspetti, oggi non posso rimproverare nulla ai miei, non sapevo nemmeno che cosa dir loro negli spogliatoi dopo il primo tempo perché erano stati praticamente perfetti. Il calcio è così e se sbagli vieni punito quando meno te l’aspetti. Ora i nostri obiettivi sono due: dare maggiore continuità alle prestazioni, visto che alterniamo partire buone ad altre meno buone, e cercare sempre di divertirsi. Solo così si può crescere e migliorare insieme”.

LINK: I risultati della 20^ giornata nel girone B e la classifica.

S.P.A.L.–HELLAS VERONA  1-1 (pt 0-1)

SPAL (4-3-3): Mingozzi, Stabellini, Yabre, Perinelli, Ficara (dal 21’ s.t. Randi), Pasqualino, Fortunato (dal 1’ s.t. Vitali), Fregnani, Faye, Cuomo, Teyou (dal 7’ s.t. Benini). A disp. : Galeotti, Guariento, Pavinato, Dardi, Tatani, Marabini. All. Matteo Rossi.

HELLS VERONA (4-4-2): Bongiovanni, Anoardo (dal 6’ s.t.  Todisco), Udogie, Avagliano, Tozzo, Calabrese, Terracciano, Cortese L. (dal 18’ s.t. Squarzoni), Yeboah, Cortese M., Marini (dal 6’ s.t. Marchesini). A disp. : Dal Castello , Campobello, Biasi, Dusi, Martone. All. Leonardo Ventura.

ARBITRO: Sig. Dell’ Isola di Ferrara
RETI: 35′ p.t. Cortese M. (H); 5′ s.t. Faye (S).

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0