La direzione all’inglese fa storcere il naso a Mattioli: Meglio usare i cartellini da subito

Al termine della gara che ha visto SPAL e Pisa contendersi la posta in palio abbiamo raccolto le impressioni a caldo del presidente Mattioli e di patron Simone Colombarini.

WALTER MATTIOLI
“Ho ancora un po’ di mal di pancia per questo pareggio. Sapevamo il tipo di partita che sarebbero venuti a fare i nostri avversari a Ferrara, partita che poi hanno effettivamente fatto. Credo che se l’arbitro avesse cominciato ad estrarre qualche cartellino prima di aspettare mezz’ora avremmo visto molti calcioni in meno: in ogni caso ha interpretato la partita in questo modo e non possiamo farci niente, raramente si vede arbitrare in questo modo. L’episodio del rigore? E’ stata una circostanza strana, sicuramente evitabile, ma non so se sia stato sbilanciato o se abbia avuto un attimo di pazzia. Credo comunque che il primo ad essere amareggiato sia Cremonesi”.

SIMONE COLOMBARINI
“Dispiace aver concesso il rigore con un ingenuità di quel tipo, ma nel calcio ci può stare. Penso che alla squadra non si possa rimproverare niente anche in funzione della mole di gioco sviluppata. Ora abbiamo subito un’altra occasione sabato in casa con il Cesena. Questione stadio? Il finanziamento di Invimit non è ancora chiuso, ma quelli sono discorsi tra il Comune e Invimit stesso. Noi al momento ci stiamo relazionando con l’amministrazione comunale sulle due ipotesi che sapete tutti e stiamo cercando di capire i vincoli minimi soprattutto in caso di massima serie. In ogni caso, al di là degli adeguamenti strutturali, una delle valutazioni principali riguarderà l’illuminazione che, sempre in caso di A, andrà potenziata”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0