Mattioli: Non ho più parole per descrivere questa squadra, sullo stadio bisogna fare presto

Non è un sogno: la SPAL vince 4-1 a Carpi e si guadagna la testa della classifica per almeno un’altra settimana di passione. Anche la dirigenza spallina, come tutti i tifosi biancazzurri, è entusiasta del cammino dei giocatori di Semplici. Di seguito le impressioni di Colombarini e Mattioli nel post partita.

SIMONE COLOMBARINI
“Sapevamo che la gara di oggi era difficile, un po’ come lo saranno tutte da qui alla fine, però ero convinto che i ragazzi potessero fare una prova di questo tipo. Avevamo assenze importanti, è vero, ma ogni volta chi è stato chiamato in causa si è fatto valere e anche oggi è stato così. Nel primo tempo è sembrato quasi tutto facile, qualche errore del Carpi in fase di costruzione ci ha aiutati, poi siamo stati bravi a trovare gli altri gol legittimando il risultato. Nella ripresa abbiamo subìto il gol e il ritorno del Carpi, anche se in realtà a parte quell’episodio e qualche altro traversone pericoloso la nostra difesa non ha corso particolari pericoli. Domenica prossima avremo ancora qualche assenza: dispiace non avere Meret e Bonifazi in una partita così importante, ma per loro questa chiamata è una grandissima soddisfazione e sono contento sia arrivata mentre indossano la maglia della SPAL. La gara con il Frosinone? E’ una partita importantissima che potrebbe dare un vero e proprio strappo al campionato. In ogni caso non sarà quella determinante perché da qui alla fine della stagione ci sono in palio ancora 33 punti”.

WALTER MATTIOLI
“Non ho più parole per descrivere questa squadra. E’ stata una partita bellissima: anche se vedo i ragazzi allenarsi quotidianamente, vedere gare di questo tipo ci lascia a bocca aperta. Il Carpi è una squadra che lo scorso anno giocava in A, quindi questa era una delle trasferte più difficili del campionato. Averla vinta con questo risultato è una grande soddisfazione, poteva addirittura finire con una goleada. Va bene così e andiamo avanti per la nostra strada consapevoli delle nostre capacità. Bellissimo il nostro pubblico oggi, se ci fosse stata la possibilità avremmo praticamente giocato in casa, è una cosa che va rimarcata perché non so se si ripeterà. Mi dispiace che domenica con il Frosinone molti spallini non riusciranno a trovare il biglietto: a mio avviso sarebbe stata una gara per la quale avremmo potuto contare su quindicimila tifosi perché vale la serie A. Vivremo questa settimana con un po’ di agitazione, ma dovremo provare ad affrontarla come le altre. Le assenze di Meret e Bonifazi? Non ci dobbiamo preoccupare perché chi li sostituirà sarà all’altezza come dimostrato più volte. Ci è anche stato comunicato che la riunione prevista lunedì sullo stadio è stata posticipata ed un peccato, perché non abbiamo più tempo da perdere e dobbiamo intervenire immediatamente anche su quel fronte”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0