Il post-partita offusca la gioia per la vittoria. Rossi: Gazzarra indegna, troppe provocazioni

Dopo il concitato finale tra Belgrano e SPAL abbiamo raccolto il commento del tecnico spallino Roberto Rossi. Più che la gioia per il passaggio del turno, traspare l’amarezza per gli episodi accaduti al fischio finale.

“C’è stata una gazzarra finale indegna. Strefezza espulso e Righetti che ha ricevuto più di un colpo. Il problema è nato ad inizio partita. L’arbitro non ha saputo tenere la gara. Si è capito dal primo intervento dopo appena trenta secondi con il centravanti Attis a centrocampo su Shaka in netto ritardo. Così hanno messo giù la partita i nostri avversari. Noi, ad un certo punto, siamo stati bravi a non togliere mai la gamba e a rispondere colpo su colpo con determinazione. La partita è stata brutta, anche il terreno di gioco non consentiva di giocare la palla perché rimbalzava male. Partita maschia, di aggressività, però credo che l’abbiamo vinta con merito dimostrando di avere grande solidità e compattezza, poi qualche occasione in più l’abbiamo creata rispetto a loro. C’è un grosso rammarico per quello che è successo a fine gara. E’ stato complicato tenere a bada gli animi, purtroppo si sono sommate provocazioni su provocazioni, poi ognuno cerca di farsi giustizia per conto suo. E’ stato tutto sbagliato.
La buona tenuta difensiva della squadra? Non è solo un unico reparto. Ci sono i giocatori dotati di buona fisicità e attenzione, poi il lavoro quotidiano consolida i movimenti di reparto, che non riguarda solo la difesa, ma ci sono i centrocampisti che aggrediscono e gli attaccanti che portano la prima pressione”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0