Il gruppo, i pezzi pregiati, le possibili strategie: la serata di Vagnati a Sportitalia, riassunta

Il “tour” mediatico a cui sono sottoposti ultimamente dirigenti, tecnico e giocatori della SPAL è proseguito anche martedì con la presenza di Davide Vagnati a “Calcio&Mercato”, il programma di Sportitalia condotto da Michele Criscitiello. Il dg biancazzurro è stato chiamato a districarsi tra parecchie domande sulle situazioni di casa SPAL e sulle possibili strategie per la campagna acquisti ormai imminente.

Uno dei nomi caldi sparati in avvio è quello di Manuel Locatelli del Milan, di cui si parla già da un po’: Vagnati ha smentito di aver già inoltrato una richiesta di prestito ai rossoneri, ma lo ha definito un giocatore interessante, aggiungendo: “Stiamo cercando giocatori con motivazioni e che vogliono far parte del nostro progetto. Da questo punto di vista cercheremo giocatori con ampi margini di crescita che vogliano dimostrare da noi il nostro valore”. Insomma, porta aperta al giovane talento del Milan, considerato che sembra soddisfare i requisiti.

Impossibile non parlare di due gioielli che hanno iniziato a brillare a Ferrara, ma che fanno parte di collezioni private altrui, come Bonifazi (“Tornerà a Torino, se non dovesse trovare spazio si vedrà”) e Meret (“Mi piacerebbe che potesse rimanere, ma per adesso è troppo presto per parlarne”). Legato a Meret il ragionamento sull’ipotesi Micai, portiere del Bari: “Posto che speriamo di tenere Meret, per il resto cerchiamo giocatori che abbiamo abbastanza esperienza in Serie A”. Neanche il nome di Scuffet, altro talento friulano, in alternativa a Meret non è sembrato far alzare il sopracciglio a Vagnati.

Si è poi passati alle considerazioni sull’organico attuale: “Non sappiamo se terremo tutti i giocatori, ma comunque per salvarci dobbiamo inserirne anche altri di qualità. Bisogna cercare di mettere da parte i sentimenti verso i ragazzi, fare le giuste valutazioni e mettere insieme un gruppo capace di fare bene”, ha puntualizzato Vagnati, per poi affrontare l’argomento relativo a Lazzari e Vicari, due giocatori che sembrano solleticare gli appetiti di club più grandi della SPAL: “Non abbiamo la presunzione di dire che che ci sono giocatori incedibili. Tutto è possibile. Lazzari e Vicari saranno fondamentali per la prossima stagione e proveremo a tenerli. Su Manuel smentisco l’interessamento della Fiorentina, ma è chiaro che se ci saranno delle offerte importanti, bisognerà valutarle. Dev’essere chiaro che prima dell’aspetto economico vengono i risultati sul campo. Cercheremo di trattenere Manuel, ma se dovesse andare via lo rimpiazzeremo con un altro giocatore di qualità”.

Sul tavolo anche il tema della rosa tutta italiana: “Ci sembrava la costa giusta da fare per proseguire il percorso iniziato dalla Lega Pro. Siamo convinti che ci siano tanti giocatori italiani di valore e vogliamo dare loro una chance. Non credo però che il prossimo sarà un mercato tutto italiano. Qualora ci fossero giocatori stranieri a buon prezzo, nei ruoli da noi richiesti, saremo felici di trattarli”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0