Confermato l’arrivo di Murano, verrà girato in prestito. Vagnati: Investimento per il futuro

Dopo le indiscrezioni dei giorni scorsi, lunedì è arrivata la conferma di fatto ufficiale da parte di Davide Vagnati: Jacopo Murano, attaccante del Savona, firmerà un contratto per la SPAL. Un preliminare è già stato messo nero su bianco, seguirà un accordo, probabilmente biennale: “Lo abbiamo incontrato – ha detto il dg spallino – e anche se non c’è ancora la possibilità di sottoscrivere un contratto per via delle regole della LND, il ragazzo prenderà parte al ritiro estivo per poi valutare le richieste dal mercato”.

L’ingaggio ha destato un certo interesse, perché al di là della caterva di gol messa a segno quest’anno in serie D (26 in 33 partite) Murano non è un ragazzino, essendo un classe 1991. “Chiaro che tutti speriamo sia il nuovo Ibra – ha ironizzato il dg – ma se non lo dovesse essere possiamo già contare su squadre di Lega Pro che hanno chiesto di averlo. Ci piacerebbe facesse esperienza in serie B, vedremo. Lo abbiamo osservato a lungo e ha qualità fisiche e tecniche molto interessanti. I gol che ha segnato dimostrano che quantomeno la serie D gli sta stretta. A questo punto della nostra storia societaria abbiamo la volontà e la possibilità di programmare il futuro. Questo significa che ci saranno acquisti fatti per sviluppare il potenziale di alcuni giocatori, che potranno tornare utili sia in campo, sia per fare cassa. E’ una pratica comune. Faccio un esempio: Forte dell’Inter, che è stato mandato in prestito per tanti anni in Lega Pro, quest’anno ha fatto il salto di qualità e ora ha un certo valore di mercato. Per cui è nel nostro interesse creare un tessuto di giocatori che possono costituire un patrimonio anche in chiave mercato”.

Viene spontaneo cosa abbia convinto Vagnati a puntare su un ragazzo sbocciato così tardi: “Come per tutti i giocatori che interessano alla SPAL, ho raccolto tutte le informazioni necessarie per farmi un’idea. Senza andare nel dettaglio perché non sarebbe giusto, Jacopo ha maturato solo quest’anno la consapevolezza delle sue qualità. Ha trovato stabilità anche a livello personale, presto diventerà padre. Penso possa fare bene nei professionisti. Il suo percorso può somigliare a quello di Lasagna del Carpi, con le dovute proporzioni perché l’età non è la stessa”.

Insomma, ci sarà da aspettarsi ulteriori incursioni nelle serie minori: “Ci interessano altri ragazzi, arriveranno due under e andranno in prestito per fare esperienza”.

LINK: un profilo personale piuttosto dettagliato di Jacopo Murano, apparso su GianlucaDiMarzio.com

0