Stadio, abbonamenti, mercato: il punto con patron Simone Colombarini

La presentazione del libro “Insieme per il sogno” alla libreria Feltrinelli di Ferrara ha rappresentato un’occasione per raccogliere le impressioni di Simone Colombarini sui temi più caldi dell’attualità biancazzurra.

LO STADIO
“Siamo tranquilli, il cantiere è attivo e credo proprio arriveremo a chiuderlo in tempo per la prima partita in casa del 27 agosto. L’illuminazione è la parte più impegnativa perché i tempi sono stretti, ma ce la faremo”.

LA CAMPAGNA ABBONAMENTI
“Ci siamo riuniti anche stamattina per definire alcuni dettagli. Vorremmo partire entro fine mese con le prelazioni e se tutto andrà bene sveleremo tutto il 19 o il 20 di questo mese”.

IL MERCATO IN ENTRATA
“Vagnati è costantemente al lavoro e credo abbia le idee chiare. Ma non bisogna avere fretta perché siamo ancora nelle fasi iniziali. Le grandi squadre devono ancora fare le loro scelte e di conseguenza il mercato al momento è abbastanza statico. Almeno in questa stagione non ci potremo permettere di spendere grosse somme per acquisire cartellini di giocatori. Un budget comunque c’è e qualche volto nuovo comunque ci sarà per l’inizio del ritiro”.

IL MERCATO IN USCITA
“Se escludiamo le situazioni di Giani e Silvestri, i nostri giocatori rimarranno tali. Poi, qualcuno è già sicuro di rimanere, altri magari meno, ma tutto dipende dagli innesti che faremo. Escludo comunque cessioni importanti, vogliamo tenere i nostri elementi migliori, a meno che non arrivino offerte del tutto irrinunciabili. Un ordine di grandezza? Beh, se arrivassero 7-8 milioni per un giocatore potrebbero andare (ride). Battute a parte, non contiamo di fare plusvalenze al primo anno, invece al secondo anno di serie A sarebbe più facile”.

0