Doppia ufficializzazione: Paloschi e Viviani, entrambi arrivano in prestito con diritto di riscatto

Nella serata di venerdì la SPAL ha reso noto di aver ingaggiato Federico Viviani (1992, qui la scheda del giocatore) e Alberto Paloschi (1990) rispettivamente da Hellas Verona e Atalanta, in entrambi i casi con la formula del diritto di riscatto. Nel caso di Paloschi il diritto di riscatto è subordinato “al verificarsi di determinate condizioni” che però non vengono approfondite nel comunicato ufficiale. Entrambi oggi erano al centro sportivo “Gibì Fabbri” con i propri procuratori.

Viviani “pizzicato” negli uffici della SPAL in via Copparo

Di seguito il quadro dei giocatori che sarebbero a disposizione di mister Semplici se la stagione iniziasse ora. In grassetto i volti nuovi.

PORTIERI
– Poluzzi 1988
– Marchegiani 1996
– Branduani 1989

DIFENSORI
– Vicari 1994
– Gasparetto 1988
– Cremonesi 1988
– Felipe 1984
Oikonomou 1992 

ESTERNI
– Lazzari 1993
– Costa 1995
– Mattiello 1995
– Strefezza 1997

CENTROCAMPISTI
– Viviani 1992
– Castagnetti 1989
– Schiavon 1983
– Arini 1987
– Schiattarella 1987
– Mora 1988
– Rizzo 1992

ATTACCANTI
– Antenucci 1984
– Floccari 1981
– Paloschi 1990
– Finotto 1992
– Costantini 1996
– Murano 1991

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0