Meret aspetta di firmare il rinnovo per tornare alla SPAL. Problemi fisici in via di risoluzione

Alex Meret torna alla SPAL oppure no? Il ritorno sembrava ormai una formalità e invece i tempi si sono un po’ allungati, facendo preoccupare qualche tifoso biancazzurro. Ancora non si può dare la trattativa come conclusa, però ci si può sbilanciare, come del resto ha fatto mister Leonardo Semplici (“Lo aspettiamo, non sta ancora benissimo per qualche problema fisico, ma credo che potrebbe essere uno dei giocatori in forza alla SPAL per la prossima stagione”.) nelle dichiarazioni alla stampa dopo la partita con il Tamai sabato scorso. Di sicuro il tormentone legato al portiere scuola Udinese si colloca di diritto nella top 3 della hit-parade del calciomercato biancazzurro.

Non è un mistero che Delneri abbia scelto Scuffet come portiere titolare, alle sue spalle l’esperto Bizzarri e il giovane Borsellini come terzo. Mentre Karnezis è sul mercato e ci sono molte probabilità che vada a Napoli a fare il secondo di Pepe Reina. E Meret? Si è radunato col resto dell’Udinese, ma il campo per ora lo vede solamente con il binocolo perché costretto a sedute di terapia e lavoro differenziato per recuperare dalla pubalgia che continua ad attanagliarlo da ormai qualche mese. Un problema che lo ha costretto a declinare la convocazione dell’Under 21 per l’Europeo in Polonia. Tuttavia, dopo la visita specialistica con il professor Mariani a Villa Stuart, c’è ottimismo per il recupero in tempi tutto sommato brevi: il classe ’97 di Flambruzzo non sarà costretto ad operarsi visto che non sono state riscontrate ernie. L’unica raccomandazione che gli è stata fornita è stata quella di non caricare eccessivamente in questa fase, per evitare ricadute.

A rallentare le procedure comunque non sono solo i problemi fisici. Dipendesse da lui, la scelta sarebbe pressoché fatta. Vuole giocare titolare per misurarsi con la Serie A e vuole farlo con la SPAL. Ma c’è da rinnovare (e adeguare) il contratto in scadenza giugno 2019. Cosa non banale: trovare l’accordo per prolungare, in caso di un’altra stagione da protagonista, permetterebbe all’Udinese di venderlo a cifre non indifferenti (già adesso la società di Pozzo spara alto, chiudendo alle pretendenti una cifra che balla tra i 18 e i 20 milioni di euro per l’acquisto del cartellino) la prossima estate. Non resta che aspettare che Pastorello, l’agente dell’estremo difensore, e Gerolin, il nuovo direttore sportivo della squadra friulana, trovino il punto di incontro. Da quanto trapela in questi giorni c’è ottimismo: una volta messa la fatidica firma, Meret potrà tornare a vestire il biancazzurro.

0