Thiam e Mawuli in prestito al Fano: si allarga la colonia di ex biancazzurri nelle Marche

Come era facilmente prevedibile, i pezzi pregiati della Primavera 2016-2017 stanno lasciando Ferrara per fare esperienza in prestito. Dopo Strefezza alla Juve Stabia e Ferrari al Pontedera, arriva il turno di Demba Ngagne Thiam ed Eklu Shaka Mawuli: entrambi giocheranno in Lega Pro con la maglia del Fano, squadra che conta un’ampia colonia di ex biancazzurri. Con i marchigiani giocano infatti Menegatti, Capellupo, Cazzola, Filippini, Fioretti e Germinale. Il ds è una vecchia conoscenza di casa Giacomense, Massimiliano Menegatti.

Thiam, portiere classe 1998 di origini senegalesi, è reduce da una stagione da 22 presenze. Si è affacciato in prima squadra in diverse occasioni, pur senza debuttare. Sia l’anno scorso sia quest’anno ha svolto la preparazione estiva con la prima squadra.
Anche Mawuli è nato nel 1998 e ha origini senegalesi, e anche lui nel 2016 è stato aggregato al ritiro estivo del gruppo di mister Semplici. Ha vissuto l’ultima stagione da protagonista con la Primavera di mister Rossi, con 21 presenze e 6 gol.

 

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0