Ritiro ormai in archivio, Semplici: Lavoriamo per farci trovare pronti il 20 di agosto

Dopo l’amichevole contro il Mestre la parola passa ai diretti interessati: Semplici e Zironelli dalla panchina, Antenucci e Lazzari dal campo analizzano la gara e ci offrono i loro punti di vista, con la testa alla prossima stagione. Di seguito le loro dichiarazioni nel post partita.

Leonardo Semplici
“Nel test di oggi siamo stati più brillanti di ieri e tutti i giocatori hanno fatto bene fino al calo arrivato nel secondo tempo: sapevamo che per più di 60-70 minuti la squadra avrebbe faticato a reggere certi ritmi, ma questo tipo di preparazione serve per mettere minuti nelle gambe e arrivare al meglio ad inizio campionato”. Esordisce così mister Semplici, che oltre a sottolineare il buon lavoro svolto in ritiro fa un plauso a Pa Konate, subito in campo dal primo minuto, e commenta l’arrivo di Grassi: “Il ragazzo si è presentato bene. Dopo mezzo allenamento questa mattina ho deciso di schierarlo dal primo minuto e ha fatto cose positive, dando subito una buona impressione. Siamo contenti per l’arrivo di Grassi, un elemento importante che completa il gruppo: giocherà sulla destra come mezz’ala per la sua forza negli inserimenti”. Ormai il ritiro volge al termine e i biancazzurri preparano le rifiniture in vista della partenza: “Domani ci alleneremo solo di mattina, poi sabato partiremo per Firenze dove faremo la rifinitura in vista di Perugia. Dopo l’ultima amichevole concederò ai ragazzi qualche giorno di riposo”. Le ultime considerazioni del tecnico non possono che essere rivolte al calendario: “Bisognerà farsi trovare pronti per combattere contro queste squadre. I ragazzi sono stimolati e non vedono l’ora di iniziare: questa per noi è stata un’estate fantastica ed è giusto viverla con entusiasmo e con la consapevolezza di affrontare un campionato nuovo, in cui dovremo fare qualcosa di straordinario per raggiungere il nostro obiettivo”.

Mauro Zironelli (all. Mestre)
Zironelli analizza la prestazione dei suoi ed elogia la SPAL: “Sette giorni di preparazione sono pochi, ma bastano per mettere un po’ di carico sulle gambe: sono serviti ai ragazzi per pressare alto e aggredire in avanti, come gli avevo chiesto, quindi sono soddisfatto. Per quanto riguarda la SPAL, ritengo sia una squadra fantastica per velocità e tecnica: coi risultati ha dimostrato di avere un gruppo compatto e dopo la scalata delle scorse stagioni merita quest’opportunità. Le faccio un grande in bocca al lupo per la prossima stagione”. Un commento anche su Sodinha: “Si è allenato solo qualche giorno e deve rientrare in forma, ma quando ha la palla tra i piedi per gli avversari c’è il ghiaccio per terra (ride). Sto cercando di farlo giocare in avanti il più possibile, in modo da far fruttare al massimo tutte le sue potenzialità”.

Mirko Antenucci e Manuel Lazzari
Antenucci – La punta spallina commenta così il test contro il Mestre: “L’amichevole di oggi conferma il buon lavoro svolto in queste settimane di ritiro: siamo soddisfatti ed ora l’importante è allenarsi bene per raggiungere il prima possibile una condizione ottimale. C’è grande entusiasmo nel gruppo ed i nuovi arrivati si stanno inserendo bene”. Inevitabile che in testa ci sia il calendario: “Prima o poi le squadre bisogna affrontarle tutte, quindi cambia poco: ci aspettano tantissime belle partite e ognuna di esse sarà una finale”.
Lazzari – “Sono tre settimane che ci alleniamo mattina e pomeriggio, negli ultimi sette giorni abbiamo intensificato ancora di più il lavoro e non nego di essere un po’ affaticato” ammette Lazzari, stanco ma soddisfatto: “Il primo tempo abbiamo giocato molto bene, poi nella ripresa siamo calati, ma è tutto nella norma. La preparazione serve per tornare ai livelli della scorsa stagione e lavoriamo per questo: siamo appesantiti, ma questo lavoro verrà ripagato presto”. L’esterno pensa già al 20 agosto contro la Lazio: “Sarà un incontro completamente diverso da quello di Auronzo e dobbiamo arrivarci al meglio. Non è solo la prima di campionato: per molti di noi rappresenta un esordio nella massima serie”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0