Con la serie A torna anche la birra allo stadio: aggiornata l’ordinanza sugli alcolici

Con la serie A al Paolo Mazza torna anche la vendita di birra per il pubblico. Dopo anni di limitazioni, Comune e Questura hanno rivisto l’ordinanza sulla somministrazione degli alcolici allo stadio e fuori, accogliendo quindi una richiesta che la tifoseria, tra il serio e il faceto, rinnovava ormai da tempo immemore.

L’ordinanza recita: “Viene autorizzata la somministrazione e la vendita in contenitori di plastica o di carta di birra fino a un massimo di 5 gradi da parte di tutti gli esercizi di somministrazione autorizzati all’esterno dello stadio comunale (compresi i circoli) nonché alle attività di commercio su aree pubblica, gli esercizi di commercio al dettaglio di vicinato, dislocati nell’area circostante lo stadio comunale. All’interno dello stadio comunale è consentita la vendita sia per il settore locali che per settore ospiti, salvo diversa decisione del Gruppo operativo di sicurezza”.

Rimangono valide invece le limitazioni sulla vendita e somministrazione di bevande alcoliche e superalcoliche in contenitori di vetro, metallo e plastica attorno allo stadio fino a tre ore prima e un’ora dopo la partita.  Il provvedimento riguarda tutti gli esercizi di somministrazione autorizzati all’interno dello Stadio Comunale “Paolo Mazza”, quelli esterni (compresi i circoli) nonché le attività di commercio su area pubblica, le attività di phone-center e gli esercizi di commercio al dettaglio di vicinato dislocati nell’area circostante lo stadio comunale e, più precisamente, che si trovano all’interno o sul perimetro comprendente: Via Oberdan, Via San Giacomo dall’incrocio con Via Oberdan al P.le della Stazione, P.le della Stazione (compreso il pubblico esercizio all’interno del sedime ferroviario), Via Felisatti fino a Via Bianchi, Via Bianchi, Via Tumiati, Viale Belvedere, Corso 1° Maggio, Corso Porta Po, Via Cittadella, Corso Isonzo, Via Sardi, Via Lucchesi, Via Calcagnini, Via della Grotta, Via Rampari di San Paolo, Via Agnelli, Viale IV Novembre, Corso Piave, Via Ticchioni.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0