Piove sul bagnato a centrocampo, dopo Schiattarella si ferma anche Grassi. In difesa rientra Simic

Poteva iniziare sicuramente meglio per la SPAL la settimana che culminerà con la trasferta contro la Fiorentina nel lunch match di domenica al “Franchi”. Alla ripresa degli allenamenti, infatti, Leonardo Semplici ha dovuto fare i conti con il solito numero di infortunati che da un po’ di tempo a questa parte sta caratterizzando quest’ultima decisiva parte di campionato.

Le notizie che arrivano dall’infermeria non sono drammatiche, ma neanche positive, perché se da una parte Lorenco Simic ha svolto tutta la seduta del martedì pomeriggio insieme ai compagni tornando, di fatto, a disposizione del tecnico toscano, dall’altra si è fermato Alberto Grassi. Il centrocampista in prestito dal Napoli non si è visto sui campi del centro “GB Fabbri” per via di un problema al ginocchio, ma da parte della società non è arrivata alcuna spiegazione ufficiale in merito alla sua assenza. Domani un bollettino medico farà luce sulle sue condizioni fisiche e su quelle di Schiattarella, ancora ai box a causa della distorsione alla caviglia rimediata la scorsa settimana, ma la loro presenza a Firenze è in forte dubbio. Una tegola che proprio non ci voleva in mezzo al campo, dove gli uomini ora sono praticamente contati. Possibile, quindi, che per affrontare i viola Semplici debba affidarsi all’inedito terzetto formato da Kurtic, Viviani ed Everton Luiz, con Schiavon e Vitale pronti a subentrare.

Non vanno meglio le cose sulle corsie laterali, soprattutto su quella mancina, dove Mattiello e Dramè si sono visti sì sul campo, ma solamente per seguire un programma fatto di corsa e fondo. Anche Lazzari, Costa e Floccari, dopo un breve conciliabolo ad inizio allenamento con Semplici e Consumi, hanno svolto un allenamento differenziato per smaltire le fatiche di sabato, ma circa le loro condizioni non c’è la benché minima preoccupazione.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0