Missione compiuta: il Kleb passa da Bulgarelli a D’Auria. Moretti: Abbiamo fatto un bel lavoro

Marco Cocchi e Luigi Moretti si erano dati un termine, la metà del mese di giugno, per individuare il successore di Fabio Bulgarelli alla guida del Kleb. Sono riusciti a rispettarlo, visto che venerdì è arrivata la notizia del formale passaggio di consegne con Francesco D’Auria, imprenditore con base a Bologna, titolare della MF Impianti. Un’azienda di servizi civili e industriali che nel 2016 ha fatto segnare 17 milioni di euro di fatturato e conta su sedi a Ferrara, Medicina e San Lazzaro di Savena.

Manca ancora l’atto di fronte al notaio, ma la firma del preliminare è cosa fatta: D’Auria ha rilevato la maggioranza delle quote del Kleb Basket, sarà il nuovo presidente e conterà su un consiglio d’amministrazione in cui l’avvocato Cocchi continuerà a fare il vicepresidente. Non è l’unico segno di continuità con la precedente gestione, visto che per l’area tecnica dovrebbe essere confermato il ds Marco Pasi e Fabio Bulgarelli, libero da cariche dirigenziali, farà da sponsor con le sue aziende. “Abbiamo fatto un bel lavoro – dice Gigi Moretti, dg pro-tempore e sostanziale advisor della trattativa – e ora metteremo a posto altri tasselli, a partire dal coinvolgimento di sponsor importanti del territorio. Ho buone sensazioni, perché in tanti hanno dimostrato sensibilità verso questo progetto”.

Il nuovo corso porterà al Kleb anche Patrizio Righetti come innesto nel settore marketing: nel suo curriculum un’esperienza alla Fortitudo tra il 2016 e il gennaio 2018. Ci sarà un rinnovo anche per quanto concerne l’area commerciale e comunicazione, anche se i nomi per il momento rimangono riservati. Poi ci si concentrerà sulla costruzione del roster 2018-2019, che dovrebbe essere affidato ancora una volta a coach Andrea Bonacina. Per l’attività del settore giovanili è invece confermata la partnership con la 4Torri, che farà da società satellite al Kleb.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0