Storie di ordinario calciomercato: l’assurda genesi della notizia di uno scambio Paloschi-Destro

Nel calciomercato tutto è possibile, questo lo sappiamo. Ma è anche possibile leggere di tutto: d’altra parte i tifosi della Juventus sognano addirittura di vedere Cristiano Ronaldo con la maglia bianconera, anche se forse dimenticano che appena un anno fa c’era chi aveva il coraggio di considerare realistico un suo approdo al Milan, gasato dalle spese multimilionarie della nuova gestione cinese. La storia poi ha fatto il suo corso e non ha detto troppo bene al Diavolo, mentre ha detto benissimo a Ronaldo che è rimasto dov’era e ha vinto un’altra Champions League col Real Madrid, incassando serenamente i 21 milioni a stagione che Perez gli garantisce.

Poco meno di un decimo di quella cifra (1,8 a stagione) la guadagna – fino al 2020 – Mattia Destro del Bologna che oggi è stato arditamente accostato alla SPAL da Tuttomercatoweb. A rendere surreale questa “notizia” non è tanto l’ipotesi di uno scambio con Alberto Paloschi che sarebbe stato caldeggiato da Filippo Inzaghi, ma la sua stessa genesi. Nell’articolo infatti è citata come fonte il quotidiano La Nuova Ferrara.

Peccato che i colleghi del quotidiano diretto da Luca Traini non abbiano mai parlato di scambio, né fatto allusioni più o meno esplicite a una simile operazione. Il testo, apparso nell’edizione cartacea di martedì 3 luglio, parla abbastanza chiaro e si limita a dire che Destro è in uscita e che Paloschi non dispiacerebbe ai rossoblù. Ma da qui a parlare di scambio ne passa abbastanza.

La “notizia” ovviamente è stata ripresa a destra e a manca, creando dibattiti e aspettative. Interamente basati sull’aria fritta però. Tanto che nel pomeriggio anche i colleghi di Zerocinquantuno.it, usualmente ben informati sul Bologna, hanno verificato negli ambienti del club rossoblù, ricevendo smentite su tutta la linea.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0