Borriello non tornerà al Mazza da avversario: imminente la sua firma con l’UD Ibiza

Con tutta probabilità la SPAL non farà in tempo a ritrovare Marco Borriello da avversario. E tutto sommato va bene così, giusto per evitare ulteriori capitoli di una storia finita come peggio non poteva. L’attaccante napoletano si prepara infatti a sbarcare nella serie C spagnola (!) per vestire la maglia dell’Union Deportiva Ibiza di Eivissa (…). L’anticipazione l’ha fornita Gianluca Di Marzio nella serata di lunedì ed è stata sostanzialmente confermata da un tweet del piccolo club spagnolo.

Scelta quantomeno singolare se si considerano i propositi espressi dallo stesso Borriello in un’intervista dello scorso 31 luglio a La Gazzetta dello Sport: “Mi sto tenendo in forma in attesa della chiamata giusta. Sono un leone ferito, non voglio smettere in questo modo. Ma sono in cerca di emozioni e di una bella avventura, magari anche in una squadra che gioca le coppe e fa turnover: a 36 anni non posso disputare tutte le partite, ma non sono vecchio e ho la forte motivazione di chiudere a testa alta per rispetto della mia carriera“. Evidentemente la chiamata giusta non è arrivata, malgrado le cronache di mercato avessero accostato Borriello a realtà di serie A come Bologna, Udinese e Frosinone.

Enamorado de ti ❤️ #ibizaselfie #ibizailoveyou

Un post condiviso da Marco Borriello (@marcoborriello) in data:

Verosimilmente Borriello chiuderà la sua lunga carriera alle Baleari e non avrà neanche bisogno di fare un trasloco, visto che proprio a Ibiza è proprietario di una lussuosa villa in riva al mare. Il campionato di Segunda Division B è iniziato domenica scorsa e l’UD Ibiza ha debuttato con una vittoria esterna sul campo del Siviglia B (0-1). Nella squadra guidata da Antonio Mendez ci sono altri due giocatori con trascorsi italiani: il portiere Alex Sanchez (ex Foggia) e il centrocampista Martì Riverola (ex Bologna e Foggia).

L’UD Ibiza è stato rifondato nel 2015 su iniziativa del valenciano Amedeo Salvo (già presidente del glorioso club bianconero). Nella scorsa stagione ha mancato la promozione sul campo dalla Tercera Division, ma ha potuto beneficiare di un ripescaggio per via della defezione di un’altra squadra. L’obiettivo dichiarato dell’attuale proprietario è quello di porre le basi per un progetto a lungo termine per la valorizzazione del calcio a Ibiza: “Qui ci sono parecchie attività legate al calcio e c’è un continuo afflusso di persone legate a questo ambiente: calciatori, presidenti, procuratori e personalità di Uefa e Fifa. Sono convinto del potenziale calcistico di Ibiza, ma voglio che il progetto sia a largo respiro e non punti sull’immediato. Non posso dire che arriveremo in Liga, ma vogliamo salire il più possibile. Non sarà una cosa da due o tre anni, puntiamo sulla sostenibilità“.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0