Si rivede Kurtic: la riabilitazione procede bene. Piccoli acciacchi per altri quattro

La notizia principale, nel giorno della ripresa degli allenamenti, è che Jasmin Kurtic è potuto tornare sul campo a due settimane dall’infortunio patito nel corso di SPAL-Sassuolo. Il centrocampista sloveno ha ripreso a correre, ma dovrà proseguire nell’attività di riabilitazione. Dalla SPAL fanno sapere che “le tempistiche di recupero saranno valutate in base agli esiti dei trattamenti di fisioterapici e di riabilitazione a cui il giocatore si sottoporrà nelle prossime settimane”. Difficile fare stime precise allo stato attuale, ma potrebbe servire almeno una ventina di giorni per rivedere Kurtic in azione.

Per il resto Djourou e Petagna hanno lavorato a parte per via di contusioni ad una caviglia nel caso dello svizzero e ad un piede in quello dell’attaccante. Assenti Gomis e Fares per le rispettive chiamate di Senegal e Algeria, così come Bonifazi messo al tappeto da un malanno di stagione. Fisioterapia per Simic a causa di un trauma distorsivo alla caviglia destra rimediato lo scorso 5 ottobre.

foto: Isabella Gandolfi / SPAL

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0