La versione di Beghetto a Il Resto del Carlino: La mia cessione fu concordata con la SPAL

Qualche fischio se l’è inevitabilmente beccato, ma tutto sommato Andrea Beghetto se l’è cavata senza essere particolarmente preso di mira dai tifosi più suscettibili presenti al Paolo Mazza. A due giorni dalla vittoria del suo Frosinone sul campo della SPAL, Il Resto del Carlino fa un bel colpo con la sua firma storica Mauro Malaguti, chiedendo all’esterno di tornare sugli eventi del dicembre 2016 che portarono alla sua cessione al Genoa: “Mi fa piacere poter chiarire come andò la vicenda. Il mio mancato rinnovo e il successivo trasferimento furono entrambi passi concordati con la società, a cui sono grato per avermi lanciato. Con la promozione dalla serie C alla B non ci fu il rinnovo perché la SPAL è abituata a soppesare bene i giocatori prima di metterli a contratto, e giustamente la società si era riservata di vedere come mi sarei comportato in categoria superiore. Poi accadde che fino a gennaio giocai e feci molti assist, suscitando interessi in serie A. Io non volevo andar via a parametro zero a giugno, sarebbe stato ingrato verso la società. Il Genoa spingeva per avermi subito e allora la soluzione migliore apparve la mia cessione, che consentì alla SPAL di incassare. Così mi sembro giusto omaggiare il direttore Vagnati e il club che mi aveva valorizzato. Fu tutto concordato, altrimenti sarei rimasto rinnovando, non volevo essere ingrato“.

Dopo una stagione da comprimario nella trionfale annata della serie C (25 apparizioni, 15 da titolare di cui 6 in Coppa), Beghetto si impose nella prima parte del campionato 2016/2017 come uno degli esterni sinistri più interessanti della serie B, sfornando 7 assist in appena 13 partite. Con il contratto in scadenza a giugno 2017, fu ceduto al Genoa a inizio gennaio per una cifra attorno ai 2 milioni di euro più bonus. In rossoblù ha collezionato 3 presenze in serie A nell’arco di sei mesi, prima di essere prestato in B al Frosinone nella stagione 2017/2018. Con i ciociari Beghetto ha giocato 32 partite e segnato 1 gol, conquistando la promozione in serie A. Nell’estate 2018 è stato riscattato definitivamente dai gialloblù, con i quali ha sottoscritto un contratto fino al giugno 2022.

 

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0