Dopo una bella vittoria come quella di domenica scorsa contro Lucca, il rischio per la Mobyt era quello di abbassare la guardia, rilassarsi un po’. Tifosi che leggete, non vi preoccupate: con coach Furlani il problema non si pone. Nel primo allenamento della settimana la squadra viene messa sotto sin dai primi esercizi, dai 4 contro 3 in continuità svolti per esercitare la transizione primaria, che già domenica ha regalato diversi punti facili alla compagine ferrarese. Poi si delineano degli esercizi in preparazione al prossimo match: grande importanza, in questa fase, viene data alla gestione del 5 avversario e alle modalità di aiuto del suo difensore. Si esplorano situazioni di pick and roll alto e gli aiuti dall’angolo. In queste fasi si nota l’impronta difensiva data dal coach che si rammarica, ad esempio, per i canestri subiti piuttosto che gioire per la buona linea di penetrazione trovata dall’attacco. E guai a sedersi un attimo, pena essere ripreso davanti a tutti: “Julius, are you tired?” urla a metà allenamento il coach ad un Mays che commette la leggerezza di appoggiarsi un attimo alla panchina.

Si passa poi al 5 contro 5: in difesa si mette in luce Infanti, con alcuni bei recuperi, mentre Andreaus si dimostra un’ottima arma per allargare le difese con il tiro da tre dall’angolo. Tutto bene quindi? No, anche in questo caso il coach scuote la testa e si lascia andare ad un “stiamo attaccando in modo approssimativo una difesa ancora più approssimativa”. La squadra reagisce bene a queste sollecitazioni, prova gli aggiustamenti e cerca di seguire la strada tracciata. Si finisce con il 5 contro 5 con difesa a uomo, Mays dimostra di non essere stanco e di avere la mano calda da tre, infilando triple su triple. Certo, le uscite dai blocchi non sempre portano allo smarcamento corretto, le spaziature non sono perfette e a volte i giocatori si pestano un po’ i piedi in attacco. Ma, come si sarà capito, questi particolari non sfuggono allo staff tecnico che li sottolinea e li lima allenamento dopo allenamento. Il rischio di abbassare la guardia, per il momento, sembra del tutto scongiurato.

 

 



Leaderboard Derby 2019
leaderboard myes