E’ tornata in campo questo pomeriggio la formazione biancazzurra in vista della difficile trasferta di domenica prossima al ‘Neri’, sul campo di Rimini: i romagnoli, lo ricordiamo, sono l’unica squadra, sin qui, ad aver sempre segnato in tutte e 9 le partite di campionato. I ferraresi, per l’occasione, non potranno contare su Fabio Buscaroli che, proprio oggi, è stato fermato per un turno dal giudice sportivo per recidiva in ammonizioni.
A margine della seduta hanno parlato il centrocampista Stefano Capellupo e l’esterno destro Valerio Niccolò Rosseti.

Così il venticinquenne centrocampista nativo di Palinuro sul momento: “Il cambio del mister? Ci ha dato una scossa, è inevitabile. Mister Gadda sta lavorando molto sulla mentalità, sulla tranquillità da avere in campo. La vittoria contro il Delta è stata molto importante, ma c’è ancora da migliorare tantissimo” Cosa ha di più il 532? Una maggiore compattezza, alla lunga riusciremo ad avere, credo, anche una maggiore intensità sul piano offensivo. Personalmente sono più bloccato nella posizione che devo assumere, ma ho costantemente qualcuno alle spalle che protegge la squadra Con il rientro di Paro siamo al completo e penso che quando saremo al massimo della condizione potremo giocarcela davvero con tutti. Serve solo un altro po’ di pazienza”. Una battuta con l’ex centrocampista della Primavera del Toro anche sul prossimo avversario, quel Rimini già affrontato e sconfitto in estate, ma assoluta sorpresa di questa prima parte di torneo: “Sono una buona squadra, Nicastro (che ha già segnato 7 reti, ndr) è l’elemento chiave di un organico che sta veramente facendo bene. Sarà una gara difficile”. E sui cori di domenica scorsa della Ovest, di disappunto dopo il primo tempo: “Fa parte del nostro mestiere e devo dire che ci hanno fatto bene. Negli spogliatoi, poi, l’allenatore si è fatto sentire e siamo tornati in campo più carichi che mai. Se siamo forse un po’ troppo Varricchio-Cozzolino dipendenti? La classifica marcatori non mente e dice questo: sono giocatori fortissimi per la categoria, sta a noi metterli sempre nelle condizioni ideali per segnare; sappiamo di avere tutte le capacità per poter sopperire a una loro eventuale assenza ma è una eventualità a cui al momento non pensiamo”.

L’ex cesenate Rosseti: “Vincere ha riportato entusiasmo, prima c’era un po’ troppa tensione. Mister Gadda ha lavorato sulla mentalità, ha riportato entusiasmo. Il mio ruolo? Non sono contento di come ho iniziato la stagione, non posso nasconderlo. Ho accettato le scelte di mister Rossi e mi sono impegnato ogni giorno cercando di sfruttare appieno ogni occasione. Adesso sento che avrò maggiori possibilità per potermi esprimere, sia da terzino, sia da esterno alto come domenica contro il Delta, che poi è il ruolo che ho sempre ricoperto nelle giovanili. Rivalità con Lazzari? Non scherziamo, ma è normale che mi impegnerò al massimo per vivere da protagonista questa avventura”.
Rosseti e Menegatti



Leaderboard Derby 2019
leaderboard myes
Leaderboard Global