Contro Reggio Calabria la Mobyt ha dominato e sofferto allo stesso tempo, evidenziando ancora una volta lo straordinario potenziale a disposizione di coach Furlani.

FERRI 8,5 – Inizia alla grande, mettendo a segno 11 punti nel solo primo quarto. Soffre come tutti nel secondo, poi, nel momento peggiore, il capitano si carica sulle spalle la squadra col tiro dall’arco, la difesa e alcune ottime penetrazioni. Gioca probabilmente la miglior gara dall’inizio della stagione, non solo per i venti punti con i quali chiude la sua partita. Non poteva chiedere di meglio per festeggiare la nascita della secondogenita Mia.

SPIZZICHINI 6,5 – Parte fortissimo in difesa su Hamilton e sicuro in attacco, poi i tre falli nei primi due quarti lo bloccano in panchina impedendoci di rivedere il giocatore decisivo a Ravenna.

MAYS 6,5 – Di fatto scende in campo alla fine del terzo quarto, recupera nell’ultimo con due triple pesantissime e qualche ottima giocata in tandem con Jennings. Dopo due partite in ombra gioca un quarto degno del vero Mays.

JENNINGS 9 – Come il capitano, anche lui alla miglior prestazione stagionale. In Calabria se lo sogneranno stanotte e nei prossimi giorni: segna da tre, segna da sotto, dalla media e anche l’arresto e tiro non è quello di un giocatore che supera abbondantemente i due metri. Semplicemente immarcabile.

BENFATTO 6 – Dopo la virgola di Ravenna entra in campo con il solo obiettivo di spaccare la partita, e lo fa, soprattutto nel primo quarto. Gli arbitri lo tolgono dalla partita con un tecnico su una protesta che non si è sentita. Rientra nell’ultimo quarto solo per farsi fischiare un il quinto fallo, in attacco.

INFANTI 6 – Qualche giocata confusionaria in attacco e qualche fallo ingenuo in difesa, non incide e dà poca sicurezza, lo salva la vittoria.

PIPITONE 8+  – Terzo giocatore a referto che decide di mostrare tutto il repertorio proprio contro Reggio Calabria. Con Benfatto fuori dai giochi e Casadei con un ginocchio dolorante il reperto lunghi ferrarese è tutto sull’asse Jennings-Pipitone. Il lungo trapanese dei due è quello che pensa al lavoro sporco, undici rimbalzi sono il suo record stagionale.

BOTTIONI 6,5 – Ordinaria amministrazione negli otto minuti in cui rimane in campo, però la partita non è facile quindi merita decisamente la sufficenza piena.

CASADEI ng – Furlani lo spedisce in campo nel momento più difficile, ossia nel secondo quarto, ma si vede che il lungo romagnolo soffre a causa del ginocchio infortunato a Ravenna. Per lui la miseria di un minuto e quattordici secondi in campo, prima di trascinarsi di nuovo in panchina dopo un movimento che riacutizza il problema. Da recuperare.

ANDREAUS ng – Anche per lui solo pochi spiccioli di gara (poco più di tre minuti). Troppo poco per dare una valutazione.



Leaderboard Derby 2019