A Mantova, di venerdì, si studia l’avversario. Carlo Sabatini, ex tutor di Alessandro Del Piero alla foresteria del Padova – squadra con cui ha conquistato anche una promozione in B nel 2009 -, dal suo arrivo sulla panchina virgiliana lo scorso dodici novembre al posto di Antonio Sala ha radicalmente cambiato volto alla squadra. Con un calendario terribile a cui far fronte, ha prima battuto a domicilio il Monza, poi l’Alessandria al ‘Martelli’, pareggiato a Cuneo e perso, per un’episodio, domenica scorsa in casa contro la capolista Santarcangelo. La classifica deficitaria potrebbe far pensare alla solita corazzata costruita in estate ricca di nomi altisonanti ma destinata poi a smarrirsi, come spesso succede, in corso d’opera: ma non è così. Il Mantova è avversario pericolosissimo che ha tutte le intenzioni di chiudere la stagione nelle prime otto e l’arrivo dell’ex diesse dei miracoli Pasquale Sensibile – scuola Palermo e che tanto bene ha fatto a Novara e, in parte, anche a Genova sponda Sampdoria – ne è l’ennesima testimonianza.

QUI MANTOVA – Agli ospiti mancheranno i difensori Bini e Donazzan, appiedati per un turno dal giudice sportivo, entrambi espulsi sette giorni fa e scesi in campo con la maglia da titolare contro il Santarcangelo. La rosa però è ampia, per giunta di qualità: chi pensa di trovare un Mantova rattoppato e con la difesa in emergenza rischia di ritrovarsi deluso. Proprio martedì, infatti, sono rientrati in gruppo e sono da considerare completamente recuperati, sia il centrale Rickler (classe 1986, 196 centimetri di morbidezza e un centinaio di partite tra i ‘prof’ in B con le maglie di Chievo, Modena e Piacenza), sia il cursore di fascia Pondaco (classe 1989, ex Portogruaro): giocheranno entrambi perché i titolari, in realtà, sono proprio loro. Resta un dubbio per quanto riguarda la maglia numero 2: Creati (classe 1988), più offensivo, o l’altro ex Portogruaro Cardin (classe 1988)? Molto dipenderà dal modulo che deciderà di adottare Sabatini: con il più probabile 4231 ipotizzabile giochi il primo, in caso di 433 spazio, invece, al secondo.images

A centrocampo, sempre martedì, si sono regolarmente allenati anche Cris Gilioli (classe 1982) e l’altro ex spallino Jacopo Fortunato (classe 1990) recentemente insignito durante la 13^ edizione del Galà del Calcio Triveneto con il premio riservato al calciatore che, nella propria squadra, ha saputo distinguersi per qualità e continuità di rendimento. Il centrocampista biancorosso è stato premiato come miglior giocatore del Treviso nella stagione 2012/13. Il recupero più complicato sembra quello che riguarda Alberto Quadri: il centrocampista scuola Lazio, alla fine, potrebbe saltare il match.
In porta (soprattutto) e in attacco i dubbi più grossi: Festa (classe 1992) risente di un piccolo problema muscolare ma lo staff sanitario virgiliano farà di tutto perché il ragazzo sia regolarmente al suo posto tra i pali: in caso di forfait, improbabile, giocherà Bavena (classe 1990). Anche bomber Floriano (11 reti all’attivo sin qui) è in dubbio ma, in realtà, la sua assenza contro la SPAL non è neppure da prendere in considerazione, pertanto ‘Flash’ come è stato soprannominato dai suoi tifosi, sarà regolarmente al suo posto sulla fascia sinistra dell’attacco.

La probabile formazione (4231): Festa in porta, Creati, Olivi, Rickler e Pondaco (Vecchi) in difesa; Spinale e Schiavini in mediana, Floriano e Zanetti esterni alti, Fortunato trequartista. In avanti Masini con De Respinis pronto a subentrare a gara in corso.image

I PRECEDENTI – L’ultima volta al ‘Mazza’ a trionfare fu il Mantova (l’andata terminò 2-2). Era il 30 gennaio 1994, la seconda giornata di ritorno nell’allora C1 e i biancorossi, andati in vantaggio per primi con Clementi e poi momentaneamente raggiunti da Mino Bizzarri, ebbero la meglio nel finale con un rigore trasformato ancora da Clementi dopo un fallo commesso da Paramatti su Pacione. Quell’anno il Mantova arrivò secondo con quattro lunghezze di vantaggio proprio sulla SPAL, salvo poi non essere ammesso al campionato la stagione successiva per problemi finanziari.

Partite giocate: 43
Vittorie Mantova: 11
Pareggi: 9
Vittorie SPAL: 23

IN TRASFERTA – In questa stagione i virgiliani hanno vinto l’ultima volta il 17 novembre scorso a Monza per 2 a 1, l’ultimo pari risale al 1 dicembre contro il Cuneo e l’ultima sconfitta è addirittura datata 8 settembre quando il Mantova perse per 4 a 1 a Vicenza contro il Real.

LA ROSA
Portieri:
Bavena (’90) e Festa (’92).
Difensori:
Bini (’89), Cardin (’88), Creati (’88), Donazzan (’85), Olivi (’80), Pondaco (’89), Rickler (’87) e Vecchi (’91).
Centrocampisti:
Baltieri (’93), Gilioli (’82), Fortunato (’90), Quadri (’83), Rivi (’94), Schiavini (’90), Severino (’92) e Spinale (’78).
Attaccanti: Cavagna (’84), De Respinis (’93), Floriano (’86), Masini (’84) e Zanetti (’86).

I MARCATORI
11
Floriano, 5 Masini, 3 De Respinis, 1 Bini, Fortunato, Olivi, Quadri, Rickler, Schiavini e Zanetti.

DIFFIDATI
Gilioli, Olivi e Zanetti.
SQUALIFICATI
Bini e Donazzan.

TIFOSI AL SEGUITO – Sono stati completati tre pullman e alla fine a Ferrara arriveranno non meno di 300 tifosi contando anche le tante auto private previste.



Leaderboard Derby 2019