Neanche il tempo di godersi la straordinaria vittoria contro Casalpusterlengo che sulla Mobyt si abbattono due macigni pesantissimi: infatti gli accertamenti di lunedì sugli infortunati Alessandro Infanti e Davide Andreaus hanno dato esiti particolarmente sconfortanti. Per Infanti è arrivata la diagnosi più pesante: rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio destro, esattamente lo stesso infortunio occorso non più tardi di due settimane fa a Daniele Casadei. Anche per lui quindi stagione finita prematuramente, a meno di recuperi a tempo di record. Per Davide Andreaus, fermatosi nell’immediata vigilia della gara contro l’Assigeco, si tratta invece di una lesione parziale del legamento collaterale del ginocchio sinistro. Entrambi dovranno essere curati mediante intervento chirurgico: Andreaus sarà operato già martedì mattina, mentre Infanti andrà sotto i ferri del dottor Alessandro Lelli nella giornata di mercoledì. I tempi di recupero per Andreaus verranno valutati dallo staff medico subito dopo l’intervento, ma è difficile pensare di rivedere il giovane lungo in campo prima di trenta-quaranta giorni.

Una botta che non ci voleva e che ora pone la dirigenza davanti a un bivio: continuare con gli effettivi a disposizione – in attesa del rientro di Andreaus – o intervenire ancora con almeno un innesto, dopo il sacrificio per arrivare a Simone Flamini? Di certo l’assenza fino al termine della stagione di un giocatore come Infanti rischia di incidere notevolmente sull’assetto della squadra di coach Furlani, a maggior ragione dopo che il presidente Bulgarelli aveva fissato la promozione in Legadue Gold come obiettivo stagionale.

 

 

 



Leaderboard Derby 2019