Dopo la vittoriosa trasferta di Recanati abbiamo sentito coach Adriano Furlani per conoscere le sue impressioni sulla partita.

Negli ultimi tre incontri abbiamo visto una Mobyt un po’ molle in avvio, a Chieti non è andata bene, ma nelle ultime con Flamini in campo abbiamo assistito a due ottime reazioni, è una coincidenza o questo giocatore è già così importante?
“Lui ci da sicuramente grande equilibrio dal punto di vista difensivo, le partenze sono cose tutto sommato relative: non credo che siamo partiti in maniera così negativa; sicuramente però c’è stata una fase iniziale in cui abbiamo giocato una pallacanestro che non ci era favorevole. Il corri-e-tira a noi non porta risultati, poi siamo riusciti a giocare a difesa schierata e alla fine siamo riusciti a portare a casa questo risultato”.

In generale non può che essere contento della prova offerta dai suoi.
“Sono molto contento della prestazione, eravamo su un campo difficile, contro una squadra ostica, in un brutto momento di forma; abbiamo reagito da squadra matura e consapevole della propria forza e dei propri limiti”.

Abbiamo assistito ad una partita dal punteggio molto basso: nello specifico, come valuta la prova offensiva?
“Nella nostra situazione, con tre giocatori fuori e uno da inserire, dobbiamo ritrovare un certo equilibrio nelle rotazioni in campo, una certa logica, ovviamente facciamo più fatica. Poi abbiamo anche abbassato volutamente il ritmo: avevamo Ferri ancora acciaccato, in settimana non si è allenato. Lo stesso Flamini è con noi da una settimana e non raggiungerà la sua condizione migliore prima della fine del girone d’andata. I ritmi, per come siamo messi adesso, dobbiamo abbassarli per forza. Poi la partita è finita punto a punto e poteva andare bene a loro come è andata bene a noi. Non ci resta che sorridere, augurare buon Natale e ringraziare soprattutto i tanti tifosi che ci hanno sostenuto in una trasferta così difficile”.



Leaderboard Derby 2019