Reduci dalla riunione societaria del pomeriggio, Francesco e Simone Colombarini sono stati ospiti di Lunedì Sport, il salotto televisivo di Alessandro Sovrani e l’occasione è stata utile per commentare a caldo la scelta di non proseguire il rapporto lavorativo con Massimo Gadda. “E’ stata una decisione molto difficile da prendere, – ha esordito Simone Colombarini – ma nella riunione a cui hanno preso parte anche Mattioli, Vagnati e Bulgarelli abbiamo cercato di analizzare la situazione con il maggior distacco possibile, cercando di fare la scelta migliore per il bene della SPAL. Premesso che molte delle critiche indirizzate a Gadda di recente mi sono sembrate eccessive e immeritate, crediamo sia il caso di affidarsi a un profilo di allenatore diverso, più avvezzo alla categoria che affronteremo e alle nostre ambizioni”.

Allo stato attuale risulta che la dirigenza stia valutando una rosa di almeno tre o quattro candidati per la successione di Gadda, ma ovviamente i due Colombarini non hanno lasciato trapelare granché sul futuro allenatore della SPAL: “Non abbiamo ancora scelto – ha rimarcato Simone – ma abbiamo in mente qualche nome ed è nostra intenzione arrivare alla definizione di questo aspetto il prima possibile per poi buttarci a capofitto sul mercato. Chiaro che il nome della SPAL ha grande richiamo e tutti verrebbero volentieri, ma ci vogliamo assicurare di incontrare i candidati per far capire loro come lavoriamo e cosa prevede il nostro progetto. Tuttavia posso dire che sicuramente il prossimo allenatore sarà un tecnico che ha già lavorato in Prima Divisione”.



Leaderboard Derby 2019