La SPAL vuole essere sempre più aperta al cambiamento e alle nuove tecnologie. Quindi a tenere a battesimo il nuovo progetto multimediale legato alla squadra biancazzurra c’era anche il presidente Walter Mattioli che in tutta onestà ha esordito ammettendo: “Preferisco parlare di terzini e mediani, ma devo dire che è stato fatto un buon lavoro e cerchiamo di migliorare il modo di presentarci all’esterno”.

L’addetto stampa Enrico Menegatti ha così introdotto l’argomento: “Oggi, presentiamo quello che abbiamo voluto definire progetto multimediale SPAL. Il nuovo sito, certo, ma non solo. Cercheremo vari canali per dare visibilità a tutte quelle professionalità, sponsor che possono, vogliono e devono dare una mano alla società. Il nuovo sito (già on line http://www.spalferrara.it/) darà un certo tono all’immagine biancazzurra. SPAL e Ferrara un legame unico. Sarà il punto di riferimento per le comunicazioni ufficiali del club, ma anche per i tifosi, i giornalisti e gli addetti ai lavori. Spazio per la prima squadra, ma soprattutto per il settore giovanile. Comunicazione che sarà canalizzata anche sui social: Facebook, Twitter e Instagram. E’ prevista anche la creazione di un canale tematico su Youtube e Vimeo, ma su questa parte del progetto ci torneremo più avanti, abbiamo deciso di procedere a piccoli passi”.

Presente anche il responsabile marketing spallino Gianluca Ranzani: “Vogliamo fare dei cambiamenti, modernizzarci. E dobbiamo distinguerci, perché la SPAL ha una storia importante. Abbiamo avuto la disponibilità anche di Gianluca Di Marzio che attraverso i suoi canali ci permetterà di avere maggiore visibilità. Un’occasione sia per il nostro marchio, ma anche per gli sponsor. Anche l’Accademia Spal avrà uno spazio importante”. Per quel che riguarda il merchandising spallino ci saranno alcune novità. Tre articoli dei cinque progettati con Errea saranno svelati il 21 agosto durante la serata di presentazione della rosa spallina alla città. Entro settembre verrà aperto dalla società un punto vendita di abbigliamento spallino e gadget all’interno dello stadio.

Stefano Tesé Scarano di Cema Next (all’incontro con i giornalisti anche Federica Borghi e Simone Crocco) ha illustrato il progetto multimediale: “Abbiamo iniziato con la realizzazione del sito, ma non vogliamo fermarci qui. Con la società vedremo di lavorare anche sui contenuti ed eventi per dar maggior visibilità al marchio SPAL e a quello degli sponsor. Un marchio, che attraverso il web e i social, possa vivere sette giorni su sette e non solo durante la partita come con i cartelloni pubblicitari. Per i tifosi la possibilità di esser raggiunti sui social, mentre per gli sponsor la possibilità di newsletter e mailing list. Anche sul merchandising, in futuro ci sarà la possibilità di acquistare gadget SPAL dal sito. Proveremo per prima cosa a raddoppiare i numeri (per ora approssimativamente 20mila contatti mensili, 3100 ‘mi piace’ su facebook, una portata di 10mila visualizzazioni ai link su Facebook) e aspettiamo gli sponsor, non sono quelli principali. Ci saranno formule, anche su periodi, costi e spazi ridotti, per gli sponsor minori che vorranno dare una mano alla società e ottenere visibilità”.



Leaderboard Derby 2019