Dopo aver perso malamente Cris Miglietta, la SPAL vira decisa sul centrocampista brasiliano Romulo Eugenio Togni. A Ferrara arriverà per cercare di tornare ai livelli di Sorrento quando, sempre in Lega Pro e nella stagione 2010-2011, giocò 35 delle 36 partite da calendario – playoff per la B compresi – segnando la bellezza di 7 reti, suo record personale in carriera.

In Italia da dodici anni, dopo la trafila nel Gremio inizia in D a Belluno poi quattro anni a Manfredonia – compagno dell’ex spallino Bortel – quattro anni ad Arezzo, due a Sorrento e due a Pescara prima dell’ultimo torneo condito da alti e bassi ad Avellino, ma con forti indizi che lasciano intravvedere un ragazzo che preferisce avere nel suo curriculum piazze calde e non disdegna affatto fermarsi e affezionarsi al suo pubblico. Da buon brasiliano si esalta davanti alle platee calorose e non deve essere solo frutto del caso il fatto che la maggior parte dei gol li abbia segnati proprio in casa.

Romulo per sua stessa confessione non è un ‘piè veloce’, ma è amante, come a lui piace definirsi, della corsa intelligente. Brio e dinamismo non sono di competenza sua, questa è una certezza, a lui andrà invece il compito di dettare i tempi e gli inserimenti delle frecce biancazzurre, così come di sua stretta competenza saranno i calci piazzati – di cui è un vero specialista  – ma più in generale le chiavi di un centrocampo che, tatticamente, a dieci giorni dall’inizio, andrà inevitabilmente ricostruito. Con gli anni Togni è maturato e non poco, sia caratterialmente, sia da un punto di vista tecnico e tattico tanto da toccare la massima serie con la maglia del Pescara dopo aver vinto un campionato di B giocando metà delle partite. Sarebbe ingeneroso chiamarlo ripiego – anche se di lusso – ma la dura legge del mercato lo impone perché in estate la SPAL aveva puntato decisa su Miglietta, suo ex compagno di tante battaglie e avventure in quel di Arezzo, dove i due avevano stretto un forte legame.

Ruoli diversi, caratteristiche completamente diverse quelle di Miglietta e Togni: a questo Brevi e – soprattutto – la squadra dovranno abituarsi in fretta con l’aiuto, soprattutto, della duttilità de ‘l’instruido’ di Sao Leopoldo, ovvero l’erudito, uno che il calcio lo conosce e lo mastica, pronto a salire in cattedra all’ombra del Castello Estense per mettere a disposizione della SPAL tutto il suo bagaglio di esperienza. Il brasiliano, che arriva da un’annata non fortunatissima a causa di un infortunio ad Avellino, è giocatore abituato al 4-3-3 ma che non disdegna neppure il 4-2-3-1: sicuro il suo posto sarà al fianco di uno tra Gentile e Landi (a questo punto favorito per quella dinamicità che non ha Romulo).

Paragoni? E’ meglio non farne: non ha la corsa di Miglietta e neppure l’agonismo ma, come detto, ha neuroni che viaggiano a pieni giri e, se fisicamente tirato a lucido come si dice, può diventare per la SPAL una soluzione nuova e per certi versi affascinante, anche se tutta da scoprire. Tempo ne ha poco per calarsi in una realtà come quella ferrarese e sa che la piazza si aspetta molto da un giocatore delle sue caratteristiche e qualità. Un’ultima annotazione: lo manda, si fa per dire, l’indimenticato Eros Schiavon. Idolo della tifoseria biancazzurra, oggi ai biancoverdi, che gli ha caldamente consigliato la nostra – ma anche la sua – città: Ferrara, oasi di pace e tranquillità. Meta ideale per giocatori come Togni che hanno la necessità di riconciliarsi con quell’innata classe che ne fanno del ‘Professor’ uno dei migliori in circolazione nel suo ruolo.



Leaderboard Derby 2019