E’ notte fonda in casa SPAL. A Savona arriva la seconda sconfitta in due partite e nel sacco biancazzurro si infilano altri tre gol. La squadra ferrarese, davvero poco in partita, è parsa solo a tratti davvero volenterosa, ma molto in confusione e senza una manovra di gioco ben organizzata. Vittoria nettamente meritata per i liguri che avevano chiuso in vantaggio il primo tempo con la rete di Spadafora arrivata dopo soli due minuti di gioco. Il momentaneo pareggio di Filippini, siglato dopo soli diciassette secondi dall’inizio della ripresa, aveva illuso per alcuni minuti i circa cento tifosi spallini presenti a Savona di tornare a casa con un risultato positivo. Ma subito dopo, pesanti come macigni, sono arrivate le reti di Defeo e De Martis a decretare la sconfitta. Ma torniamo al fischio d’inizio.

SPAL che scende in campo al “Bacigalupo” con una divisa completamente gialla. Mister Brevi schiera il 4231 con Lazzari terzino destro al posto di Ferretti (problema muscolare nella rifinitura di ieri) mentre Finotto viene preferito a Di Quinzio che era stato provato tra i titolari per tutta la settimana. Solo panchina per il nuovo arrivato Capece, gioca l’ex di turno Gentile. Avvio shock per la Spal: fallo ingenuo di Gasparetto (non sarà l’unico) e calcio di punizione da posizione invitante per i padroni di casa. Sul punto di battuta va De Martis, una leggera, ma velenosa, deviazione della barriera mette in difficoltà Menegatti che riesce solo a smanacciare, arriva Spadafora che completamente indisturbato insacca comodamente la ribattuta. Spal in confusione dopo il colpo subito. La partita è molto spezzettata, numerosi i falli, soprattutto a metà campo. Saranno ben cinque gli ammoniti dopo la prima frazione di gioco e ben quattro del Savona. I padroni di casa si difendono con ordine, mentre bisogna aspettare il ventesimo minuto per vedere la reazione della Spal. La clamorosa palla gol arriva al minuto 23 con Landi che serve sui piedi di Gentile un assist al bacio: l’ex di turno, a pochi passi dalla riga di porta, si divora letteralmente il gol del pareggio ipnotizzato dall’ottimo Pennesi. Tre minuti dopo, azione simile, Finotto insacca, ma l’assistente Sgheiz annulla la rete per fuorigioco. Alla mezz’ora torna pericoloso il Savona con una fiammata firmata Varone che mette una palla invitante all’interno dell’area di rigore ferrarese per Spadafora che manca la doppietta personale. Nell’ultimo quarto d’ora della prima frazione davvero poco da segnalare, se non una punizione di Togni, dal quale ci si sarebbe aspettato molto di più in quanto specialista.

Bastano soli diciassette secondi dal fischio d’inizio della ripresa e lo stesso Togni inventa un assist geniale per Filippini che sbuca alle spalle di Speranza e infila la rete dell’1-1. Incredibilmente un minuto dopo è la Spal ad avere la palla del vantaggio con Finotto che semina il panico ma una volta arrivato in area di rigore non riesce a concludere in rete. Partita che si accende, con il Savona che cambia assetto dopo l’ingresso di Defeo. E’ lo stesso giocatore che, a due minuti dal suo ingresso in campo, segna il nuovo vantaggio ligure: difesa della Spal non impeccabile nella circostanza. All’improvviso il buio totale per gli estensi. Squadra che si disunisce clamorosamente e subisce il terzo meritatissimo gol del Savona con De Martis, di gran lunga il migliore in campo, che realizza un facile tap-in dopo la traversa di Carta. Nella Spal fanno il loro esordio, senza incidere, De Cenco e Capece. Pochi scampoli di partita anche per Di Quinzio. Forse ci sarà da discutere sulla sua bocciatura iniziale.

Finale di gara con il Savona pago del risultato, a gestire e Spal davvero deludente e incapace di reagire. Poche davvero le note positive in questo caldo sabato di inizio Settembre. Ora sarà interessante calcolare il riscontro psicologico dopo quest’altra batosta subita dalla squadra ferrarese, vista oggi davvero in notevole difficoltà. Sono ben sei i gol subiti dopo due giornate e solo uno quello realizzato. Numeri impietosi.

Savona-Spal 3-1 (1-0)

SAVONA.(442):Pennesi; Marchetti, Speranza, Cabeccia, Marconi, Varone (dal 6’ s.t. Defeo), De Martis (dal 37’ s.t. Giorgione), Quintavalla, Scappini, Cerone, Spadafora (dal 14’ s.t. Carta). A disp.: Addario, Bramati, Galimberti, Sanna. All.: Di Napoli

S.P.A.L.(4321): Menegatti, Lazzari, Legittimo, Silvestri, Gasparetto, Gentile (dal 31’ s.t. Capece), Filippini, Togni, Germinale (dal 20’ s.t. De Cenco), Finotto (dal 33’ s.t. Di Quinzio), Landi. A disp.: Albertoni, Bellemo, Veratti, Rosina. All.: Brevi.

ARBITRO: Sig. Tardino di Milano. Assistenti: Sig. Locatelli, Sgheiz.

MARCATORI: 3’ Spadafora (SA), 1’s.t. Filippini (SP), 9’s.t. Defeo (SA), 23’ s.t. De Martis (SA)

AMMONITI: Marchetti (SA), Cabeccia (SA), Quintavalla (SA), De Martis (SA), Germinale (SP), Defeo (SA).

NOTE:giornata soleggiata, temperatura calda, terreno in discrete condizioni. Buona rappresentanza di tifosi giunti da Ferrara. Recuperi: 1’ p.t., 4’s.t. Calci d’angolo: 7 a 2 in favore della Spal.

 



Leaderboard Derby 2019