Un gran primo tempo è stato sufficiente a L’Aquila per fare razzia al Paolo Mazza. La squadra abruzzese, più esperta ed organizzata, ha assestato un notevole colpo ai propositi d’alta classifica della SPAL, facendo tre gol e creando almeno altrettante occasioni pericolose nello spazio di soli 45 minuti. L’inizio promettente dei biancazzurri è illusorio: le occasioni create da Giani, Fioretti e Legittimo non trovano adeguata finalizzazione e così sono gli ospiti a metterla nel sacco al 18′. Pacilli, con i suoi 173 centimetri d’altezza, si fa strada tra i ben più aitanti Giani e Legittimo e infilza Menegatti di testa su cross di Sandomenico. La SPAL prova a riordinare le idee e risponde con un destro di Finotto che trova la risposta di Zandrini. E’ un fuoco di paglia visto che sul ribaltamento di fronte il trio d’attacco aquilano si produce in un’azione spettacolare che vale il 2-0. Tacco di Perna che smarca Pacilli, tocco felpato per Sandomenico che controlla, avanza e spedisce in rete. Lo scatenato Sandomenico rischia di provocare anche il terzo gol con un cross che al 34′ incoccia sulla schiena di Aldrovandi e che finisce col richiedere un intervento di Menegatti. L’appuntamento con lo 0-3 è solo rinviato, visto che appena due minuti dopo è Perna a mettere in rete da pochi passi sul cross di Triarico. I fischi del Mazza accompagnano i biancazzurri negli spogliatoi. Al rientro Brevi vara il 442 nella speranza di contenere la manovra palla a terra dei rossoblu e di ridurre il passivo. Proposito frustrato dall’eccellente difesa della squadra di Zavettieri. I nuovi entrati Germinale e Gentile si rivelano propositivi, ma i loro sforzi non bastano per rimettere la SPAL in partita. Zandrini non viene chiamato a interventi particolarmente impegnativi e la partita scorre fino al fischio finale senza sussulti. In compenso c’è una buona dose di delusione per i 4000 del Mazza.
SPAL-L’Aquila 0-3 (0-3)
SPAL (532): Menegatti; Ferretti, Aldrovandi, Capece (dal 1′ s.t. Germinale), Giani, Legittimo; Filippini (dal 29′ s.t. Lazzari), Togni, Landi; Finotto (dal 1′ s.t. Gentile), Fioretti. A disp: Albertoni, Rosina, Di Quinzio, De Cenco. All. Brevi.

L’Aquila (343): Zandrini; Pomante, Maccarrone, Zaffagnini; Triarico, Corapi, Del Pinto (dal 35′ s.t. Mancini), Pedrelli; Pacilli (dal 23′ s.t. Ceccarelli), Perna, Sandomenico (dal 15′ s.t. Di Mercurio). A disp.: Cacchioli, Karkalis, De Francesco, Bernasconi. All.: Zavettieri

Arbitro: Sig. Guccini Francesco di Albano Laziale (Chiocchi, Malacchi)
Reti: 18′ p.t. Pacilli (A), 23′ p.t. Sandomenico, 34′ s.t. Perna (A)
Ammonizioni: Togni (S), Corapi (A), Maccarrone (A), Filippini (S), Ceccarelli (A)
Angoli: 5-3
Recupero: p.t. 0′; s.t. 2′



Leaderboard Derby 2019