A distanza di una settimana dall’infuocato post-partita di Mobyt-Recanati si può senz’altro dire che l’umore di Fabio Bulgarelli è notevolmente migliorato. Il presidente ha assistito dalla tribuna alla vittoria dei biancazzurri ed è sceso in sala stampa per offrire le sue impressioni ai cronisti.

Dopo una settimana tanto complicata l’unica medicina valida era la vittoria
“Sì, era fondamentale per la testa partire con il piede giusto. Oggi abbiamo visto una squadra quadrata e non Hasbrouck-dipendente. La vittoria è arrivata anche grazie all’innalzamento del livello di molti giocatori”.

È stata una gara equilibrata, con risposte da una parte e dall’altra, sintomo del carattere ritrovato dalla squadra.
“Vittoria meritata contro una squadra ostica con giocatori con delle belle mani. Siamo stati bravi in particolare nel terzo quarto, in cui non abbiamo abbassato la guardia come era avvenuto in passato. Abbiamo tenuto lontano i fantasmi del passato e speriamo di consolidare tale mentalità e di dimentricarli il più presto possibile”.

Dopo questo buon inizio, la settimana prossima si andrà in trasferta sul campo di Treviso.
“La prima cosa che ho detto ai ragazzi negli spogliatoi dopo il cambio di allenatore è che era finita un’era e che da oggi sarebbe partito un nuovo campionato. Questo vale a maggior ragione per le trasferte dove in passato abbiamo avuto delle difficoltà ma che bisogna dimenticarsi in fretta”.

Oggi nel cuore del presidente ha prevalso la tensione o l’entusiasmo?
“Sicuramente l’entusiasmo. Il pubblico è stato fantastico come non si vedeva da tempo e ha dato una spinta fondamentale ai ragazzi. Dobbiamo inanellare ancora qualche vittoria per rimetterci in carreggiata. Ma non posso dire altre che sono contento e felice”.



Leaderboard Derby 2019