Torna a vincere la Mobyt al PalaTricalle di Chieti, accaparrandosi una partita chiave in vista dell’obiettivo playoff. Quella di stasera è stata una Mobyt concentrata e solida sul piano mentale, che non ha lasciato spazio a sbavature nei momenti importanti, decisa a giocare senza timore ogni secondo di gioco. Alle esplosive personalità della formazione di Galli i biancazzurri hanno risposto con l’attacco, spuntandola in allungo nel finale grazie all’ottima intensità sul parquet.

Le marcature si aprono dopo soli tredici secondi con la tripla di capitan Ferri, deciso a guidare la squadra nella seconda trasferta consecutiva in Abruzzo. Ancellotti risponde con 6 punti in fila e dopo i primi 4 minuti il tabellone segna 10-8, l’intensità in campo testimonia quanto entrambe le formazioni vogliano guadagnare l’accesso alla post-season. Il lungo di Chieti è dominante in mezzo all’area come all’andata. La zona della Proger invita al tiro da fuori i biancazzurri, Castelli e Hasbrouck ringraziano e puniscono con due triple che, insieme ai 6 di un Benfatto per niente intimorito dai 2.13 del lungo avversario, permettono alla Mobyt di restare in scia. Il quarto si chiude sul 22-21.
Il secondo parziale si apre con una lunga serie di errori al tiro per la Mobyt che perme agli abruzzesi di assestare un 7-0 mortifero. Per ben quattro minuti i biancazzurri non riescono a trovare il fondo della retina mentre i ragazzi di coach Galli non si fanno pregare: allungano sul 29-21 senza troppi complimenti. Gli estensi sono comunque bravi a sfruttare il bonus accumulato e prima con i liberi poi con la tripla di Huff tornano a ruota, 29-27 a 4 primi dalla pausa lunga. Sembra quasi una partita a scacchi, Chieti continua a servire l’immarcabile Ancellotti (15 nei primi due quarti) mentre la Mobyt deve tirar fuori dal cappello soluzioni sempre diverse. La prima metà si conclude sul 39-36.

Huff è ancora protagonista in avvio di terzo quarto: ristabilisce la parità con la bomba, premia con l’assist Benfatto sotto canestro e l’azione successiva trova il cesto sul rimbalzo in attacco. La Mobyt prende piede, con Hasbrouck che segna in acrobazia si conclude il parziale di 0-9, +6 in soli tre minuti per i ferraresi. Chieti si dà una scossa dopo il time-out, Ancellotti continua a segnare nel pitturato e Monaldi entra in doppia cifra con l’ennesima penetrazione, ricucendo il distacco. La Mobyt gioca bene le mosse successive, Castelli e Ferri muovono la retina da fuori dopo due ottime azioni offensive. Con 4 minuti sul cronometro è ancora +6 Mobyt (49-55) e il tabellino dice 17 per Troy Huff, autore d’una prestazione anche superiore a quella dell’andata. L’ultimo minuto porta la firma di Hamilton che segna 8 punti in fila e ristabilisce la parità sulla sirena, 61-61.
I biancazzurri aprono bene l’ultimo periodo: Huff marca il ventello con la bomba mentre anche Hasbrouck si mette in moto con 4 punti in affondo. Chieti è sempre a ruota grazie alle giocate del solito Ancellotti e di Hamilton che ha la mano calda da fuori. Con 5 minuti sul cronometro il punteggio è di 66-68, il gioco è concitato e ne risentono le percentuali da entrambe le parti. Sblocca il punteggio fermo da diversi minuti la gran tripla di Hasbrouck finalmente incisivo che regala agli estensi il +5. A 1:40 dalla fine Benfatto è freddo dalla lunetta e porta la Mobyt sul 69-77, i suoi sono punti cruciali insieme ai 19 di Hasbrouck che si fa spazio tra i protagonisti della gara. Ci mette poco a riaccendersi Chieti, le due bombe di Monaldi a cavallo dell’ultimo minuto di gioco portano gli abruzzesi sul -4. Ci pensa il libero di Amici e il successivo errore di Monaldi a ridare a Ferrara l’importante vittoria; sgambettata Chieti le cui speranze di passare alla fase successiva sono ormai nulle.

PROGER CHIETI – MOBYT FERRARA 77-82
(22-21); (39-36); (61-61)

PROGER CHIETI: Hamilton 19, Ancellotti 21, Sergio, Monaldi 19, Sollazzo 14, Inaldi, Cardillo, Palermo, Paesano 4,  DiGiacomo, All.re: M. Galli.

MOBYT FERRARA: Huff 22, Castelli 12, Ferri 8, Benfatto 12, Hasbrouck 17, Bottioni, Amici 8, Casadei 3, Pipitone, Ghirelli. All.re: Martelossi.



Leaderboard Derby 2019