Con tutta probabilità nel futuro di Gianmarco Zigoni ci saranno ancora Ferrara e la SPAL. I primi colloqui tra i dirigenti della SPAL e gli omologhi del Milan, avvenuti oggi nella sede dei rossoneri, fanno infatti ben sperare per una conferma dell’attaccante trevigiano. A ricevere Walter Mattioli e Davide Vagnati c’erano Adriano Galliani e il ds Rocco Maiorino, che hanno ribadito la volontà di tenere viva la collaborazione instaurata nei mesi precedenti. Questo significa sostanzialmente due cose: che per Zigoni la SPAL avrà una corsia preferenziale e che non è da escludere possa nascere qualche altra trattativa riguardante ragazzi della Primavera del Milan o altri giocatori che gravitano attorno al club rossonero.

La situazione riguardante Zigoni è chiara: il giocatore ha già fatto sapere di avere ambizioni di serie B e di considerare  la SPAL come prima scelta in Lega Pro. Al momento però non risultano chiamate da club cadetti e questo mette i biancazzurri in prima fila. Le parti (la SPAL, il Milan e il giocatore) però non intendono rimanere in ballo troppo a lungo, per cui se alla volta dell’inizio dei ritiri estivi non sarà arrivata la tanto sospirata offerta dalla cadetteria Zigoni prenderà la strada che porta a Ferrara. Non solo: Mattioli e Vagnati hanno già concordato con il Milan le eventuali condizioni del prestito, che vedrebbe la SPAL accollarsi buona parte dello stipendio del giocatore. Insomma, non resta che aspettare sviluppi: con Cellini ormai vicinissimo aumentano la possibilità di vedere l’attacco titolare già assemblato durante il ritiro di Camporosso.



leaderboard Coop Reno