In attesa di realizzare quello che la società definisce da mesi “il sogno”, i tifosi si apprestano a vederne realizzato un altro: rivedere Eros Schiavon di nuovo con la maglia della SPAL. Ormai, lo si apprende da fonti particolarmente affidabili, il passaggio del centrocampista in biancazzurro è solo questione di dettagli.

Schiavon nelle ultime ore ha accelerato le procedure per la rescissione del contratto che lo lega all’Avellino fino al 2016 e probabilmente già dall’inizio della prossima settimana potrebbe essere libero. Il regolamento FIFA sui tesseramenti dei calciatori in teoria vieta il suo passaggio presso un’altra società prima del prossimo mese di gennaio, ma pare che il giocatore punti su una formula giuridica particolare, attinente il diritto al lavoro, utilizzata con successo dal collega Fabio Mazzeo appena un anno fa. Se questo passaggio dovesse effettivamente andare in porto, Schiavon sarebbe libero di essere ingaggiato da un’altra squadra, a patto che questa militi in una categoria diversa dalla serie B. E’ quindi il caso della SPAL, che ora aspetta con ansia di poter annunciare il ritorno del centrocampista classe 1983. In ballo ci sono tempi tecnici legati alla burocrazia, ma non sorprenderebbe vedere Schiavon arruolabile entro dieci o quindici giorni al massimo.



Leaderboard Derby 2019
leaderboard myes