Vittoria doveva essere e vittoria è stata per la Bondi Ferrara, malgrado qualche sofferenza di troppo contro Matera ultima in classifica. In sala stampa il presidente Bulgarelli e coach Morea hanno fatto sfoggio di pragmatismo.

FABIO BULGARELLI
Presidente, partite come questa celano insidie, la squadra è andata sotto nelle prime fasi poi ha recuperato la lucidità necessaria per vincere la partita.
“L’importante stasera era il risultato. La prestazione positiva ci ha permesso di aggiungere due ulteriori punti tra noi e Matera allontanandoci così dai piani bassi. Siamo in piena corsa per centrare l’obiettivo minimo stagionale, questo ci permette di passare un Natale tranquillo e giocare il derby con meno pressioni”.

Oggi abbiamo visto minutaggi discreti per Salafia e Ghirelli, per Soloperto invece ci tocca rimandare la valutazione.
“Soloperto avrà modo di dimostrare il suo valore. Mi fanno piacere le buone prestazioni dei giovani che ci permettono di allungare il roster per far rifiatare i titolarissimi in vista della seconda parte di stagione. A tal riguardo io sono particolarmente ottimista e fiducioso in quanto le nostre squadre hanno sempre dato il meglio nelle fasi finali”.

ALBERTO MOREA
Coach, ci sono voluti un paio di quarti per far quadrare i conti ed aver ragione su Matera.
“La sensazione è stata questa, Matera lotta e gioca con tutti fino alla fine. L’idea stasera era di attaccare in area giocando in avvicinamento al canestro. Siamo andati conseguentemente spesso in lunetta, ma purtroppo abbiamo tirato con cattive percentuali. Questi, comunque, sono errori di gioco che ci possono stare. Inizialmente abbiamo pagato un po’ per la nostra scarsa intensità: siamo rientrati nel terzo quarto con maggiore aggressività sia in attacco che in difesa e da lì abbiamo scavato il break che ci ha permesso di prendere ritmo e punti in classifica”.

I giovani, Ghirelli in particolare, hanno dato un ottimo segnale facendosi trovare pronti alla chiamata.
“Per questo devo però ringraziare anche il preparatore atletico Rossano Bonati ed il vice-coach Turchetto che lavorano quotidianamente su di loro ottenendo questi risultati”.

Mattia Soloperto ha mostrato nell’arco di due azioni la ragione per cui è stato ingaggiato.
“In due occasioni siamo riusciti ad appoggiargli la palla dentro, consentendogli prima di trovare l’assist per Bucci e poi di tirare alla conclusione di uno schema. Purtroppo la sua lunga inattività mi ha fatto propendere per un inserimento graduale, per adesso mi basta la sua disponibilità e la sua voglia di fare bene”.



Leaderboard Derby 2019