Nel post partita di Ferrara-Chieti abbiamo raccolto le impressioni del presidente Bulgarelli, di coach Morea e di Francesco Guarino.

FABIO BULGARELLI
“Quella di stasera è stata un’ottima prova, ci dimostra che senza distrarsi la salvezza è da considerarsi in tasca. Inutile ribadire che i cambi hanno dato solidità al gruppo. Ora possiamo anche permetterci di sognare e non nasconderci dietro all’obiettivo minimo della salvezza. Apprezzo molto quando giocano Soloperto e Brkic insieme. Penso che Guarino, Bucci e Losi siano un tridente che diverse squadre, anche meglio piazzate, ci invidiano. La ciliegina sulla torta sarebbe stata ribaltare la differenza canestri, ma ricordando come è finita l’andata direi che possiamo passare una buona serata pensando al salto di qualità che è stato fatto”.

ALBERTO MOREA
“Mi dispiace molto il fatto di non aver ribaltato la differenza canestri, è un fatto che mi ha veramente amareggiato stasera. Dobbiamo crescere, per certi versi siamo una squadra nuova e servono sforzi e lavoro per recuperare il gap che abbiamo con le avversarie. Abbiamo un obiettivo importate, che è competere per vincere ogni partita. Ora dobbiamo pensare a integrare al meglio gli ultimi arrivati per migliorare l’efficienza del nostro gioco”.

FRANCESCO GUARINO
“Quella di stasera era una partita fondamentale contro una concorrente per i playoff ed era fondamentale anche continuare il trend positivo dopo la bella gara di Legnano. Stasera è stato tutto positivo, a partire dall’atteggiamento con cui siamo scesi in campo, fino alla bellissima cornice di pubblico a cui abbiamo regalato questa vittoria. Penso che questa sia la strada da percorrere, purtroppo non siamo riusciti a ribaltare il risultato dell’andata. Siamo stati intensi per trenta minuti poi abbiamo forse iniziato a pensarci un po’ troppo anche noi”.



Leaderboard Derby 2019
leaderboard myes
Leaderboard Global