Alzi la mano chi a inizio campionato si sarebbe aspettato che SPAL – Cittadella sarebbe stata una partita d’alta classifica. Pochi, per non dire nessuno. Al Tombolato invece si sono affrontate due formazioni in piena salute e con il coltello tra i denti, entrambe più che consapevoli dell’importanza della posta in palio, non tanto per la classifica quanto per alimentare l’entusiasmo.

La SPAL (con Gasparetto recuperato in extremis e Zigoni là davanti ad affiancare Antenucci) appare quadrata e ben organizzata come al solito, ma sono del Cittadella le azioni più pericolose in avvio. Prima Litteri (8’) poi Iori (11’) provano a botta sicura dal limite dell’area trovando la respinta dei difensori biancazzurri. A dare la scossa ci pensa Beghetto dalla corsia mancina, ma i veneti trovano sempre il modo di anticipare Antenucci e compagni. Proprio da uno dei traversoni dell’esterno ex Este, però, nasce il gol che sblocca la gara: calcio d’angolo guadagnato da Mora, Beghetto la mette ad uscire e incornata vincente di Bonzifazi. I padroni di casa accusano il colpo mentre gli spallini, caricati anche da una Ovest da trasferta davvero in formissima, spingono sull’acceleratore. A cinque minuti dal termine l’occasione per il raddoppio ospite: Antenucci controlla fuori area e prova a sorprendere Alfonso. Il rasoterra è debole e l’estremo difensore locale controlla senza problemi.

La ripresa comincia sostanzialmente come si era chiuso il primo tempo. La SPAL si rende subito pericolosa al 51’ con una botta dai trenta metri di Beghetto, bloccata in due tempi da Alfonso non senza fatica. Al 55’ il pareggio dei padroni di casa: i biancazzurri lasciano troppo spazio di manovra agli amaranto, Iori ne approfitta e, con l’aiuto di una deviazione goffa di Giani, spedisce la palla sotto la traversa. La SPAL subisce psicologicamente il pareggio ma con il passare dei minuti rialza la testa e fa le prove generali del gol con le conclusioni pericolose di Antenucci e Schiattarella. Al 70’ il vantaggio estense: splendida azione di Lazzari, che con un filtrante trova il taglio puntuale di Antenucci. La conclusione dell’ex Leeds, poi, colpisce il palo interno, ma la sfera cade tra i piedi di Zigoni che segna il tap-in a porta vuota. A dieci dal termine altra clamorosa occasione per i biancazzurri con Zigoni e Finotto che si vedono negare la rete del gol da un Alfonso super. Poco altro fino al triplice fischio finale che consegna alla SPAL tre punti in più in classifica e un terzo posto momentaneo tutto da gustare.

CITTADELLA-SPAL 1-2 (0-1)
CITTADELLA (4-3-1-2): Alfonso; Salvi, Scaglia, Pasa, Benedetti; Schenetti, Iori, Bartolomei (dal 59’ Valzania); Lora (dal 74’ Paolucci); Littieri, Arrighini (dal 74’ Strizzolo). A disp.: Paleari, Chiaretti, Pedrelli, Pelagatti, Martin, Maniero. All.: Venturato.
SPAL (3-5-2): Marchegiani; Gasparetto (dal 53’ Silvestri), Giani, Bonifazi; Lazzari, Schiattarella, Arini, Mora, Beghetto; Antenucci (dal 79’ Finotto), Zigoni (dal 87’ Cerri). A disp.: Branduani, Spighi, Castagnetti, Pontisso, Del Grosso, Ghiglione. All.: Semplici.
MARCATORI: 30’ Bonifazi (S), 55’ Iori (C), 70’ Zigoni (S).
AMMONITI: Arini (S), Scaglia (C), Beghetto (S), Benedetti (C).
ARBITRO: Nasca di Bari (Assistenti: Cagliani e Olivieri; IV: Marini).
NOTE: terreno in buone condizioni, calci d’angolo 7-4 per la Spal.



Leaderboard Derby 2019