A soli giorni dalla trasferta di Vicenza, mister Semplici prevede che al “Menti” si vedrà inevitabilmente una partita molto diversa da quella che lo scorso settembre vide la SPAL imporsi con un netto 3-0: “In settimana abbiamo lavorato nel migliore dei modi in preparazione a que
lla che sicuramente sarà una gara ostica. Il Vicenza è più in salute rispetto all’andata, è la squadra che ha fatto meglio negli ultimi cinque turni e può vantarsi di aver battuto in casa squadre come Cittadella e Verona. Non sarà una passeggiata, scenderemo in campo rispettosi dell’avversario, ma consapevoli di potercela giocare”. A Vicenza i biancazzurri troveranno probabilmente un’atmosfera rovente, ma almeno potranno contare sull’appoggio dei loro sostenitori, dopo il via libera di ieri da parte dell’Osservatorio: “I nostri tifosi per noi sono determinanti. Sono contento che possano seguirci perché è una partita che sentono molto. Sono convinto che ci daranno quella spinta in più nei momenti di difficoltà. Vedo un grande fermento in questi giorni in città attorno ai miei ragazzi, ma dobbiamo coltivarlo nella maniera giusta. È giusto sognare, ma è troppo presto per parlare di grandi traguardi, non vogliamo illudere nessuno. Adesso l’unica cosa che conta è continuare a lavorare come abbiamo sempre fatto, poi si vedrà. Le nostre ambizioni sono aumentate da inizio stagione, ma lo stesso vale per le nostre responsabilità, ora sappiamo di dover dare sempre quel qualcosa in più contro chiunque per confermare i valori dimostrati in questo straordinario e inaspettato girone di andata”.

Come al solito, il tecnico spallino non si è sbilanciato sugli undici titolari che affronteranno i biancorossi di mister Bisoli, nonostante abbia anticipato che non ci saranno grosse modifiche rispetto alla formazione vista contro il Benevento: “In linea di massima la rosa è al completo, solo Picchi a oggi è indisponibile. Anche il reparto arretrato ha recuperato tutte le sue pedine, Gasparetto si è allenato con continuità in settimana e il nuovo portiere Poluzzi si sta ambientando bene. Ci tengo a ringraziare Paolo Branduani per il suo contributo in questo anno e mezzo, è stato un piacere lavorare insieme, ma abbiamo preso la decisione di continuare il nostro percorso con un altro. In campo scenderà come sempre chi mi potrà dare le maggiori garanzie, sia dal punto di vista fisico, sia tenendo conto del tipo di gara che giocheremo, sperando di portare a casa un’altra prestazione positiva e un risultato altrettanto positivo”.



Leaderboard Derby 2019
leaderboard myes
Leaderboard Global